venerdì 20 ottobre, 2017 - 3:44:44
Home > Cronaca > Scontro tra convogli ferroviari in Salento, 5 feriti, 10 contusi

Scontro tra convogli ferroviari in Salento, 5 feriti, 10 contusi

Sulla tratta tra San Donato di Lecce e la frazione di Galugnano

Scontro frontale tra due treni delle Ferrovie del Sud Est nel Salento, a pochi chilometri da Lecce in un tratto a binario unico: 15 i feriti, tutti lievi, tra cui anche un bambino due anni.L’incidente è avvenuto intorno alle 17:30, in un tratto a binario unico tra Galugnano e San Donato di Lecce, due piccoli paesi a pochi chilometri dal capoluogo di provincia. Da primi accertamento, fa sapere Fs italiane, risulta che uno dei due convogli era fermo al segnale di ingresso della stazione di Galugnano, mentre l’altro è partito in direzione Lecce non rispettando il segnale rosso. Il treno stava viaggiando a bassa velocità. Sono rimasti lievemente feriti 15 viaggiatori e il macchinista del treno. Tutti sono stati medicati sul posto. I convogli infatti sono stati poco danneggiati, in quanto i due treni percorrevano la tratta a velocità molto ridotta.Sul posto sono intervenuti, polizia, vigili del fuoco, 118, protezione civile, che sta anche distribuendo acqua ai passeggeri, e la Polfer che ha avviato gli accertamenti per verificare le cause dello scontro.

FS italiane ha spiegato che la rete ferroviaria e i servizi di trasporto di Ferrovie del Sud Est sono stati integrati nel Gruppo FS Italiane a fine 2016, dopo il trasferimento dell’ex ferrovia concessa. Il nuovo management di Ferrovie del Sud Est, nominato da FS Italiane, ha immediatamente attivato un piano di interventi per l’adeguamento tecnologico e infrastrutturale dell’intera rete ex concessa e dei treni. Piano che prevede l’installazione dei più moderni sistemi di gestione e controllo del traffico ferroviario e di distanziamento in sicurezza dei treni.”Solo un miracolo oggi non ci consegna un bilancio grave e inaccettabile come quello del 12 luglio dell’anno scorso. Anche in quel caso la Regione Puglia aveva totalmente finanziato lavori di messa in sicurezza che avrebbero potuto evitare un bilancio così grave”, ha commentato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “È assurdo che le Regioni italiane non abbiano alcun potere di vigilare ed eventualmente bloccare quelle linee ferroviarie che non risultino assolutamente sicure”.

askanews

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

ACUSTICA musica in purezza: Nico Morelli – Un(folk)ettable Two

Torna ‘Acustica | musica in purezza’, l’importante rassegna organizzata da Produttori Vini Manduria, con la …

Rispondi

La Voce di Maruggio è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache