giovedì 15 novembre, 2018 - 20:22:33
Home > Rubriche > Il Punto > A Natale fatti un regalo – PAESE NOSTRO povero ma bello

A Natale fatti un regalo – PAESE NOSTRO povero ma bello

[…] Durante le settimane a ridosso del Natale, Don Pietro [v. foto] chiama a raccolta l’esercito della chiesa: bambini, adolescenti, scout, catechisti e miliziani dell’Azione Cattolica. Tutti radunati sotto la veste nera per costruire il presepe dell’anno. Sotto la sua direzione urbanistica, nei locali delle Opere Parrocchiali, nasce il presepe degli anni Cinquanta: povero ma bello. Un presepe semplice e incantevole: la neve fatta con la bambagia, le montagne create con i ceppi della vigna avvolti nella carta spruzzata con le foglie di piante selvatiche imbevute in un intruglio di coloranti tra il marrone e il verde, i piccoli laghi ricavati dai resti degli specchi e tanto, tanto muschio estratto da ogni dove.

I personaggi del presepe, detti pupazzi, sono di terra cotta. Costruiti alla meglio dai ragazzi si presentano per lo più sbilenchi e sproporzionati. Gesù Bambino, per esempio, appare più un bambinone che un bambinello. Il bue riesce quasi sempre più piccolo rispetto all’asino. La madonna è troppo grossa e San Giuseppe è troppo piccolo rispetto alla iconografia dominante.

Le pecorelle sembrano per davvero smarrite. I pastori-pupazzo e le pastorelle-pupazzo sono il peggio che ci sia nel mezzo dei personaggi. Ma va bene così… se non fosse che la stella cometa cade per via dei fili di ferro troppo sottili e troppo arrugginiti. Ad ogni caduta della stella segue la bestemmia del ragazzino vivace repressa all’istante dallo schiaffone di Don Pietro.

Il presepe parrocchiale nasce quasi sempre grande e buffo. Il suo assetto urbanistico è ogni anno identico all’anno precedente. Il presepe domestico, invece, varia di casa in casa. In ogni casa maruggese almeno un angolo è destinato al presepe. Il presepe casalingo emana un calore particolare. La famiglia è meno sola, meno povera. I più piccini fraternizzano con i pastorelli nella frenetica attesa che arrivi il Natale. I pupazzi costituiscono parte integrante della famiglia. Perfino le pecore fanno parte della famiglia. E la sera della Vigilia, sia pure non più tardi delle nove, i bambini fanno nascere il Bambino dopo una breve processione per le buie stanze al canto stonato di  «Tu scendi dalle stelle, O Re del Cielo, e vieni in una grotta… ». E così, per magia, le stanze di casa, almeno per una notte, si trasformano da anguste in auguste. Magia del Natale degli anni Cinquanta…

Almeno per un giorno, il giorno di Natale, la  famiglia tutta intera si allontana dall’affanno quotidiano per avvicinarsi al Bambino nato per difendere i deboli e assistere i poveri. I genitori della futura Maruggio, moderni e post-moderni consumatori d’ogni bendiddio, non avranno tempo da perdere per costruire il presepe in casa con e per i loro figli. Diventerà più sbrigativo per questi futuri papà e mammà prelevare 150, 200 euro dalla saccoccia, consegnarli ai piccini e ordinar loro di andarsi a comprare un “presepe chiavi in mano”. Detto, fatto.

In questi mitici anni il giorno di Natale è strettamente legato alla “letterina di Natale”. La “letterina”, scritta dal piccoletto delle elementari di casa con il decisivo aiuto della mamma, è indirizzata a Gesù Bambino. La “letterina” di lusso ha la copertina ornata ed è infiocchettata. La “letterina” dei figli dei poveri è opaca e priva della polvere di stelle cadenti. La “letterina” di chi chiede molto è bella, lucida e iconografica. La “letterina” di chi chiede poco o niente è scritta per promettere di essere più buono e basta.

Il tempo porterà via definitivamente le “letterine”. Le “letterine” non avranno più un Destinatario [Gesù Bambino] perché fin da piccoli saranno più o meno tutti miscredenti. Ci sarà chi rimpiangerà in ogni caso le “letterine” di Natale macchiate del ragù dei bucatini.

Sarà troppo tardi per riparare all’errore di essere cresciuti in fretta. Finiremo tutti per consumarci nel consumismo. Inesorabilmente. Non vedremo più polvere di stelle cadenti. […]

Tratto dal Libro Paese Nostro di Tonino Filomena (Edizioni Pugliesi).  Pagg. 170, 171

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.