mercoledì 28 Ottobre, 2020 - 7:08:08

Ad Avetrana “Crescere e diventare: tra attaccamento e autonomia”

L’adolescenza è una età particolarmente importante per lo sviluppo della personalità dell’individuo, un passaggio fondamentale per una sana costruzione del Sé, frequentemente vissuto tra il bisogno di dipendenza e quello di autonomia, esigenze non sempre conflittuali, ma spesso complementari.

Se ne parlerà al convegno “Crescere e diventare: tra attaccamento e autonomia” organizzato, con il patrocinio dell’Ordine degli Psicologi della Puglia, dall’organizzazione di volontariato A.Ge Avetrana Onlus (Associazione italiana Genitori); la manifestazione si terrà alle ore 18.00 di oggi, 23 aprile, nella Sala consiliare del Comune di Avetrana.

Con questo convegno l’A.Ge. Avetrana intende offrire a tutta la comunità una importante opportunità per elaborare riflessioni ed esperienze, un’occasione di sensibilizzazione delle famiglie, e dei ragazzi in particolare, sui temi fondamentali della vita e del ciclo esistenziale di ogni persona.

I lavori, moderati da Anna Maria Leobono, Consigliera nazionale A.Ge. e Presidente dell’A.Ge. Avetrana, prevedono gli interventi dello psichiatra Antonello Taranto, direttore del Dipartimento Dipendenze Patologiche ASL di Bari, di Sara Caforio, psicoterapeuta sistemico-familiare e relazionale, e di Anna Totaro, esperta in educazione socioaffettiva e sessuale.

Nei loro interventi i tre relatori affronteranno le problematiche e le strategie adottabili nelle diverse aree d’esperienza: quella sistemico-relazionale, quella psicoterapeutica, quella scolastica e quella della costruzione dell’identità di genere.

All’interno della sala del convegno, inoltre, sarà fruibile la mostra dell’Artista Anna Totaro “Lo sguardo di Eva”: l’allestimento prevede installazioni di manichini Sé moventi, trasformati e rivisitati nelle forme, rappresentanti un mondo femminile e maschile popolato da stereotipi e immagini simboliche.

La sua è un’arte concettuale efficace e finemente artistica che lo scrittore e critico d’arte Enzo Varricchio così descrive: «Le donne deumanizzate di Anna Totaro sono l’ologramma postmoderno di un’Umanità privata di valori e sottomessa. Eva/Anna ridà vita a quegli stessi manichini come una sorta di rivincita sul declino del sogno e del desiderio, quaderni di una scrittura poetica sui loro corpi e Sé Narranti di storie da interpretare».”

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.