venerdì 24 Maggio, 2019 - 19:41:46
Home > Attualità > Amata Terra mia!

Amata Terra mia!

L‘onda anomala e inaspettata che ha invaso, colorandole, molte piazze italiane, ha fatto rialzare l’asticella di un termometro che da tempo ormai segnava temperature molto basse quanto a coinvolgimento e impegno dei nostri giovani.

Proprio quei giovani che spesso critichiamo e di cui ci preoccupa il disinteresse sociale da un lato e la frenetica e compulsiva attività di social e internet dipendenti dall’altro! Non so se questa volta è stata proprio l’onda mediatica a svegliare i nostri assonnati ragazzi sparsi tra un meridiano e l’altro del nostro caro e vecchio pianeta…sta di fatto che quegli adulti antipaticamente incanutiti dal loro stesso scetticismo, si sono dovuti ricredere e ammettere che forse l’abbiamo fatta grossa se, da un polo all’altro del pianeta, qualche coscienza giovanile sta cominciando a puntare il dito contro di noi e tutto quello di cui egoisticamente ci siamo appropriati ed esaurito. Con la scusa del progresso a tutti i costi, abbiamo dimenticato che il luogo e le circostanze perché possano continuare a esistere e convivere i destinatari di un futuro che dovremmo prima o poi passare di mano a mano, fra qualche anno potrebbero non avere più condizioni e peculiarità per consentirne la sopravvivenza. Noi adulti ormai diversamente giovani ( o anche il contrario) abbiamo fatto in modo che tutto quello che è stato costruito (e dove è servito anche demolito) creato e preparato , nel giro di qualche veloce decennio venisse improvvisamente e irrimediabilmente rovinato.

Scienziati, climatologi, geologi fisici, medici, ambientalisti ecc. scandiscono a più voci un conto alla rovescia che diventa sempre più spettrale e inquietante e, nonostante lo scetticismo e il cinismo di molti politici, in più occasioni mascherato da parole e proclami che portano al solito nulla, forse oggi, grazie a piccole e non più distratte coscienze sconosciute, qualcosa comincia a gridare.

Il viso serio e allo stesso tempo sbarazzino di una ragazzina svedese la dice lunga e da lezioni di impegno e senso di responsabilità in barba a chi ha altro di cui occuparsi. La sua, insieme a quella di tanti altri giovani nelle varie parti del mondo, è una garbata richiesta di aiuto a chi può cambiare le sorti del loro futuro. Non hanno la presunzione e l’ardire di combattere guerre, questa volta non protestano, non urlano slogan offensivi o incomprensibili…è un invito a unirsi a loro per aiutarli a trovare il modo per cambiare direzione, a immaginare un modo di vivere diverso nel rispetto di tutto quello che ci circonda e di cui siamo immeritatamente consumatori.

I giovani per la prima volta chiedono di appoggiare il loro sogno e la loro speranza, di permettere che le loro vite e il loro futuro sia compatibile con il luogo e gli elementi che dovranno consentire un’esistenza possibile. I nostri figli chiedono che quell’amore in nome del quale pensiamo e crediamo di doverli crescere ed educare, possa trasformarsi in qualcosa di concreto e coerente e che quel mondo di cui siamo bravi a decantarne la bellezza possa continuare a regalarne ancora in un futuro infinito e possibile.

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto – Cerimonia di consegna della raccolta fondi realizzata con l’iniziativa “Dona uNuovo sogno ad ogni bambino”.

Martedì 28 maggio alle ore 11:00 il vicepresidente del Gruppo Supercentro, Giovanni Donatelli, si recherà …