martedì 17 Settembre, 2019 - 2:20:18
Home > Cronaca > Anziano bruciato vivo: il figlio confesssa

Anziano bruciato vivo: il figlio confesssa

Un litigio per incomprensioni e dissapori che andavano avanti da tempo: in questo modo Vittorio Leo, 48 anni, ha ricostruito nel corso dell’interrogatorio davanti al pubblico ministero della Procura di Lecce Luigi Mastroniani e ai carabinieri l’omicidio del padre Antonio, 89 anni, vedovo insegnante in pensione, avvenuto ieri pomeriggio a Collepasso. E’ stato lui stesso dopo il delitto ad avvisare per telefono i militari della Stazione intervenuti subito nell’abitazione della vittima. L’anziano era riverso per terra in bagno senza vita e presentava su gran parte del corpo ustioni di 2° e 3° grado, come accertato dal medico legale. Sarebbe stata questa la causa della morte.

I carabinieri successivamente hanno trovato al piano interrato dell’abitazione in un contenitore in plastica residui di liquido infiammabile. Vittorio Leo, convivente con il padre, al magistrato ha riferito che il litigio è avvenuto in cucina e in prossimità di alcuni fornelli in quel momento accesi. L’uomo avrebbe cosparso il padre di alcool e poi gli avrebbe dato fuoco. Sulla salma verrà effettuata l’autopsia nell’ospedale ‘Vito Fazzi’ di Lecce. Vittorio Leo, agente immobiliare, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto, su disposizione del pubblico ministero con l’accusa di omicidio aggravato.

Adnkronos

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto, falso allarme bomba presso la raffineria Eni. Denunciato in stato di libertà un operaio di 41 anni

Oggi, 11 settembre 2019, alle ore 17.00 circa, al termine di immediate indagini, personale del …