domenica 25 Ottobre, 2020 - 5:53:29

Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

La Puglia e la geo – etno – alimentazione come antropologia della ricordanza

La Puglia come la Terra della Geo – Alimentazione. Su questo bisogfna costruire anche una reale progettualità. L’antropologia ha armai uno stretto contatto con ciò che viene definito in un gergo demoetnoantropologico “geo – alimentazione”. Infatti il cibo, la alimentazione, i prodotti culinari del territorio sono parte integrante per una …

Continua »

Sergio Zavoli. La storia e la cultura in Rai. Un uomo non è per uno schieramento politico ma per ciò che rappresenta come uomo

Scriveva Sergio Zavoli: “Oggi abbiamo bisogno di capire perché stiamo vivendo un tempo che, per molti versi, non ci piace”. Non solo giornalista. L’educatore del bel linguaggio. Non solo il protagonista di quell’immaginario che è stato condiviso del ciclismo in bianco e nero. Il Giro d’Italia. Gli italiani in una …

Continua »

La Puglia dei beni culturali etnici. Le lingue e le direttrici antopologiche

Spesso mi viene chiesto cosa è una minoranza etnica storica. Parto da un presupposto. C’è un processo interessante che tocca due elementi significativi della cultura antropologica delle minoranze linguistiche storiche. La presenza nella contemporaneità attraverso il filtro delle tradizione. Le eredità che costituiscono un patrimonio sia immateriale sia di intreccia …

Continua »