mercoledì 27 Ottobre, 2021 - 9:07:00

Pierfranco Bruni

E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

La luna ci guidava nel nostro Ferragosto

13920949_838611656238972_8247721375583141271_n

Magna Grecia nelle isole degli occhi. Il tempo è una meteora. Non era ancora scoccata la mezzanotte. 14 agosto. La luna ci guidava. Sul filo che misurava le curve si perdeva il tempo del cerchio. Le linee nell’ondulare del vento avevano come orizzonte il mare. Pitagora cercava i numeri tra …

Continua »

In Australia come Futur – Astrattista

Cattura

A volte succedono fatti che hanno qualcosa di incredibile. Ma chi lavora da una vita sui processi culturali, e soprattutto letterari, si deve aspettare di tutto. Imprevisti. Imprevedibile. Improvvisamente qualcosa tocca altre corde. Ebbene. Io non ho mai parlato della mia pittura. Non per pudore. Ma perché mi sono occupato …

Continua »

Io archeologo, sarei un assassino? “Libero” ha commesso un errore gravissimo nel dare la colpa agli archeologi nello scontro mortale in Puglia

libero-2016-07-15-5788196848d40

Siamo al paradosso! Ma siamo anche davanti ad una superficialità culturale enorme. Credo che bisognerebbe sempre conoscere per poter evitare una parola offensiva e oltraggiosa o una parola leggera. Mi riferisco all’articolo che Mario Giordano ha scritto su “Libero” (15 Luglio 2016) in riferimento alla tragedia dello scontro tra i …

Continua »

Nizza è la tragedia di un cattolicesimo sconfitto. Ora al grido: siamo tutti nizziani… Ma finitela con questa pagliacciata post sessantottina…

pierfranco-bruni buona

Nizza. Ancora. Siamo in piena guerra religiosa. Solo Papa Francesco non si è accorto di ciò, Il fallimento del pontificato di Papa Francesco è sotto gli occhi di tutti. Si genuflette a Fidel Castro e non difende la cristianità che è baluardo di Occidente e cattolicità. Commetto un reato di …

Continua »