giovedì 05 Agosto, 2021 - 1:10:47

Ugo Pellini

Ugo Pellini, laureato in Scienze Naturali all’Università agli Studi di Parma ha insegnato al Liceo Scientifico Aldo Moro di Reggio Emilia. Pubblicista giornalista scrive su quotidiani e riviste locali, di verde, di alberi e della loro storia ed evoluzione. E’ autore di una ventina di pubblicazioni di botanica e storia; tra le più importanti: “Breve guida alle piante del reggiano”, “Educare al verde”, “Obiettivo piante”, “Una città di alberi”, “I monumenti verdi”, “Alberi di pregio”, “Il Parco del popolo: i Giardini pubblici di Reggio”, “Cento alberi, viaggio tra gli alberi monumentali della provincia di Reggio Emilia”, “Alberi a Scandiano”, “Gli alberi narrano: storia e botanica del verde di Reggio Emilia”. Ha ideato la manifestazione “Alberinfesta” dell’Azienda Municipale Servizi Città; ha progettato l’Orto botanico didattico del Liceo Scientifico Aldo Moro, ha presieduto il “Comitato per la salvezza della fontana e dei cedri” e il “Comitato difesa Parco ex Dogana”. E’ intervenuto attivamente per il ripristino del Parco Langer, piantato alberi con Paride Allegri di Resistenza Verde e avviato campagne di stampa contro il taglio di alberi e le potature sbagliate.

I frutti del Noce (Juglans regia)

Reperti archeologici indicano che i frutti del Noce (Juglans regia) venivano utilizzati come alimento già 9000 anni fa. Juglans da Iupiter, Giove e glans, ghianda: ghianda di Giove; regia da rex, degno di un Re. Originario dell’Asia Minore fu introdotto in Europa dai Persiani; i Greci lo chiamarono “Karya Basilica” …

Continua »

Camomilla (Matricaria chamomilla)

Dal gradevole profumo e con una storia e tradizione antica la Camomilla (Matricaria chamomilla) è considerata un’ infestante perché cresce dappertutto. Matricaria, dal latino mātrīx che significa utero, con riferimento al potere calmante nel Medioevo dei disturbi mestruali; chamomilla, dal greco chamáimēlon, parola formata da chamái, del terreno e mḗlon, …

Continua »

Il Tiglio (Tilia spp.)

tiglio ugo pellini

Nei primi giorni di giugno si respira l’aria inebriante della fioritura del Tiglio (Tilia spp.), l’albero più frequente nelle alberature pubbliche delle città del Nord Italia. Tilia deriva dal greco, ptilon, penna leggera, ala, per la forma dei suoi fiori. Ovidio narra la storia romantica di Giove e Mercurio che, …

Continua »