mercoledì 20 Ottobre, 2021 - 5:34:45

Avetrana – La devozione a Sant’Antonio e la mietitura del grano tra religione e tradizione

sfilata-san-antonio-avetrana

Anticamente nel mese di giugno, periodo della mietitura del grano, ad Avetrana e nelle campagne circostanti del comune in concomitanza dei festeggiamenti in onore a Sant’ Antonio i contadini si recavano presso la parrocchia che prende il nome del santo per ringraziarlo del buon raccolto del grano.

La festa religiosa negli anni è stata contaminata dalla tradizione popolare caratterizzata da una processione di carretti (traini) trainati da cavalli, colmi di covoni di grano appena mietuto e addobbati con altarini e immagini del santo.

La statua del santo è issata sull’ultimo carro dalle grandi ruote di legno.

13228006_1180278465325387_1474577326_n

La processione dei carri avviene il 13 giugno ad Avetrana e diviene ogni anno più suggestiva e affascinante, si era perduta la tradizione nel corso degli anni ma, nel 2006 è ritornata in grande stile ed è stata riproposta grazie a Don Dario De Stefano, ma anche ai racconti degli anziani del paese e ai loro ricordi che costituiscono la memoria storica.

Dal 2006 ad oggi la processione ha visto moltiplicarsi il numero dei carretti partecipanti, contagiando anche i paesi limitrofi, in effetti, in media vi sono 30 carretti, di cui 10 provenienti da altri paesi.

13233289_1180272771992623_652772615_nLa processione viene aperta dai bambini vestiti con saio di tela ed un giglio in mano, seguiti dalle donne con abiti d’epoca delle contadine dei decenni trascorsi, attraversando le principali vie del paese fino ad arrivare allo stadio, in cui si esibiscono i cavalli ammaestrati con la “ballata dei cavalli” al ritmo della taranta.

Tutta la festa è organizzata in modo sapiente dal Comitato Festa Sant’Antonio che coordina la processione dei carretti, le luminarie che si snodano per le vie principali e le piazze del paese.

In Piazza Vittorio Veneto la sera del 13 giugno le bande musicali si avvicendano sulla cassa armonica, festeggiando il santo con le note degli strumenti a fiato e volgendo al cielo lo sguardo si possono ammirare i colori dei fuochi pirotecnici che chiudono la festa tra le tradizioni contadine di un tempo e l’entusiasmo e la riscoperta dei nostri giorni.

Salvatore Cosma

Facebook Comments Box

Notizie su Salvatore Cosma

Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Lecce, originario di Avetrana, paese in cui sin da piccolo ha maturato la passione per la musica, in particolare lo studio del pianoforte, strumento che ha studiato diversi anni, parallelamente ha coltivato la passione per la lettura e la scrittura. Attualmente vive e lavora a Reggio Emilia conservando un forte legame con Avetrana, dove torna ogni volta che gli impegni di lavoro glielo consentono. Lavora in ambito sindacale. Si occupa principalmente della rappresentanza politica e sindacale/vertenziale dei lavoratori del settore edile nella provincia di Reggio Emilia. Appassionato di storia, cultura e tradizioni salentine.

Leggi anche

Ordine degli Avvocati di Taranto: Fedele Moretti lascia il posto di consigliere e la carica di Presidente

È prevista nella mattinata di oggi la sottoscrizione, da parte dell’avv. Fedele Moretti e delle …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.