giovedì 26 Novembre, 2020 - 2:00:05

Bergoglio sta portando  il cattolicesimo al suicidio

lutero-1-e1467361196234

Credo che in in tempo come il nostro, come quello che stiamo attraversando, vadano fatte delle riflessioni serie e serene sul ruolo di un Papa che progetta politicamente invece di offrire e proporre carità e fede.

Fede e carità. Benedetto XVI è il Papa dei grandi camminamenti spirituali e resta tale. Benedetto XVI ha introdotto la teologia nel Carisma del Mistero in un messaggio tra fede e ragione non separando la metafisica dell’anima dalla filosofia della spiritualità.
Come è possibile che il mondo cattolico, dopo Benedetto XVI la cui testimonianza è Tradizione nelle Civiltà dei Credenti, non urli contro la vergogna di papa BERGOGLIO che abbraccia Lutero in un mondo dove il cristianesimo crolla nei simboli e si lacera nelle sue verità.
Non si tratta di essere contro questo signore gesuita perché non si è gesuiti. Si tratta di difendere la Tradizione di un cattolicesimo cristiano che BERGOGLIO offende quotidianamente.

Un papa che non rispetta la Tradizione in una civiltà inquietante e resa debole dal radicalismo non può essere considerato l’erede di Pietro.

Mi rivolgo ai cattolici veri, e non a quelli che si battono il petto nel bisogno, e neppure ai religiosi che scappano davanti alle case che crollano (l’immagine di suore che corrono davanti a case che crollano per autosalvarsi la dice lunga, come ben abbiamo visto in queste ore): non fidatevi del progetto politico – religioso che ha avviato Bergoglio.

Penetrate con attenzione le sue parole, guardatevi intorno, ascoltate oltre la siepe il vento che giunge dai Mondi, cercate di pensare e di vivere la fede oltre il pensare stesso, cercatevi nella carità e non nella supponenza di essere verità e non date nulla per scontato e soprattutto rimanete ai piedi della Croce per vivere l’attrazione del Risveglio.

San Benedetto è un simbolo di una fede che non si trasforma. San Francesco di Paola è il carisma della Tradizione. San Paolo è il dialogo e la certezza di una cristianità che non può avere evoluzioni.
Di recente è distribuita nelle edicole una collana dal titolo: “Maestri della Fede” e settimanalmente viene proposta la figura di un Santo. Tutti Santi tanti Santi con delle scelte precise. Spicca tra i non Santi un solo nome che è quello del prete di Barbiana, ovvero don Lorenzo Milani. Tutti Santi a cominciare da Madre Teresa di Calcutta. Tranne don Lorenzo. Che ci fa tra i Santi don Milani?
È vero che la collana si chiama Maestri della Fede. Ma don Milani soltanto? Anche questo è un progetto… Mi direte cosa c’entra ciò? Riflettete sulla Chiesa del progresso relativista…
Il cattolicesimo non è uno strumento. È una Parola che nasce nella cristianità.

Bergoglio sta portando la Chiesa cattolica al suicidio. Riflettete con il Cristo in Croce oltre le teologie del progresso e oltre le teorie del Concilio Vaticano della Liberazione.
È inconcepibile che in in mondo in cui i cristiani sono straziati il papa vada da Lutero e ci dia il senso di un cattolicesimo allo sbando mentre tutto intorno a noi crolla.

La decadenza giunge lentamente e ormai ci si avvia verso una decadenza che è originariamente religiosa perché è anche etica. In questa decadenza la secolarizzazione strappa le viscere.
Siamo perdenti. Saranno perduti i cattolici e il cattolicesimo se continueranno a seguire lo scisma di Bergoglio.

Bisogna essere speculari in tutto e sentinelle di fede nella ragione e nel mistero.
Non è un essere contro Bergoglio il mio. È un essere nella Tradizione in Cristo.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.