venerdì 20 Maggio, 2022 - 23:08:15

Caro carburanti e crisi: benzina e gasolio vanno…a ruba. In tutt’Italia aumentano i furti dalle auto in soste e perfino dalle barche

Caro carburanti e crisi: benzina e gasolio vanno…a ruba. In tutt’Italia aumentano i furti dalle auto in soste e perfino dalle barcheLo scandaloso e vertiginoso aumento dei prezzi dei carburanti in assenza della benché minima contromossa del Governo sta causando lo schizzare dell’inflazione e, quindi, di tutti i prezzi con la conseguenza che la crisi già acuita dai due anni di emergenza pandemica è divenuta insopportabile per la gran parte degli italiani. E mentre c’è chi resta letteralmente a piedi o riduce i chilometri di percorrenza a bordo dei propri veicoli a combustione c’è chi anche s’improvvisa “ladro” di benzina o gasolio per il proprio utilizzo o anche per rivenderlo.

Si moltiplicano, infatti, i furti di carburante dalle auto in sosta, specialmente nelle ore notturne e addirittura dalle barche. C’è chi si è messo alla guida della propria autovettura e quando è ripartito si è visto con l’indicatore del serbatoio in giallo senza altre spiegazioni plausibili se non quella dell’estrazione furtiva perché i più esperti sono quasi in grado di non lasciare quasi traccia.

Un fenomeno in crescita esponenziale che è in diretta connessione con l’aumento dei prezzi alla colonnina, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che è la crisi economica a foraggiare. Si tratta di un’escalation da non sottovalutare da parte delle forze dell’ordine anche perché a pagare sono sempre ignari cittadini. Ricordiamo anche per coloro che si dovessero far “tentare” da queste condotte, che questo tipo di furto è ritenuto “aggravato” ai sensi dell’articolo 625 del codice penale e pertanto procedibile d’ufficio con pene da 2 a sei anni e della multa da euro 927 a euro 1500 mentre chi viene trovato a in possesso senza poter fornire una spiegazione lecita rischia il non meno grave deferimento per ricettazione, reato punito dall’articolo 648 del codice penale con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da euro 516 a euro 10.329.

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Porto Rubino 2022, gran finale alla vecchia Tonnara di Torre Ovo

Porto Rubino 2022, gran finale alla vecchia Tonnara di Torre Ovo

Grande festa finale di Campomarino di Maruggio – Tonnara Dal 10 luglio parte ufficialmente Porto …