venerdì 30 Ottobre, 2020 - 16:37:59

Cimitero di Manduria: gli affossatori incrociano le braccia, salme parcheggiate in attesa di tumulazione

cimitero manduria sciopero affossatori

MANDURIA – Gli affossatori della «Cascina» incrociano le braccia perché non percepiscono lo stipendio da due mesi e i familiari di due delle cinque salme «parcheggiate» da giorni nell’obitorio del cimitero di Manduria decidono di seppellire da soli i propri congiunti.  E’ successo ieri mattina al camposanto del comune messapico dove il servizio di custodia e sepolture è affidato alla cooperativa commissariata dall’antimafia romana perché coinvolta in un filone dell’inchiesta «Mafia capitale». L’iniziativa shock delle famiglie in lutto non è passata ovviamente inosservata. Sul posto, infatti, chiamati dagli stessi parenti dei cinque defunti in attesa, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Manduria che hanno ricevuto la denuncia e raccolto la testimonianza dei presenti. I militari hanno anche preso atto che l’intera area cimiteriale era sprovvista di custodia perché i sei dipendenti della Cascina avevano aderito allo sciopero indetto da tutto il personale. La cooperativa romana, oltre ai servizi cimiteriali, si occupa anche della manutenzione del verde pubblico, della pulizia e della manutenzione delle proprietà comunali.

Ieri mattina almeno le due salme, quelle morte cinque giorni addietro, dovevano essere necessariamente seppellite anche per motivi di natura igienico sanitaria. Quando i familiari si sono presentati per le ultime esequie, hanno scoperto l’amara verità: gli affossatori e il custode erano andati via perché in sciopero. Ci sono stati momenti di tensione e proteste così i figli dei defunti hanno caricato a spalle il feretro e lo hanno trasportato nella cappella di famiglia. Hanno poi chiamato un muratore privato che ha provveduto a tumulare la cassa con la relativa lastra di marmo. I carabinieri stanno valutando la possibilità di una denuncia per interruzione di pubblico servizio.

Nel corso della mattinata i lavoratori hanno fatto sapere che lo stato di agitazione vige già da tempo e che, a tal proposito, il comune di Manduria era già stato messo al corrente. Da premettere che gli uffici comunali hanno già da tempo regolarmente inviato i pagamenti alla “Cascina” che a sua volta avrebbe dovuto provvedere al pagamento degli stipendi dei propri dipendenti.

Nazareno Dinoi  su La Voce di Manduria

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La Polizia di Taranto salva un 15enne vittima di bullismo, voleva suicidarsi

I poliziotti della Sala Operativa di Taranto, hanno ricevuto l’accorata telefonata di una giovanissima ragazza, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.