martedì 17 Settembre, 2019 - 2:22:35
Home > Primo Piano > Concluso il percorso “Giovani in Consiglio” della Regione Puglia

Concluso il percorso “Giovani in Consiglio” della Regione Puglia

Tra i relatori nei lavori di chiusura la manduriana Adriana Amato, studentessa del Liceo De Sanctis Galilei di Manduria

Conoscere e capire sono i primi due passi verso un’autonomia decisionale consapevole.” è così che Adriana Amato, rappresentante d’istituto del Liceo Desantis – Galilei di Manduria e, da due anni a questa parte, “giovane consigliera” per il progetto della regione Puglia Giovani in Consiglio: da osservatori a protagonisti, ha deciso di presentare la proposta di legge del suo gruppo e, probabilmente, è così che si può riassumere il percorso, durato due anni (2017 e 2018), che ha visto protagonisti 46 giovani delle ultime classi delle scuole superiori di tutta la regione Puglia (2 per ogni ambito), strutturando con loro un percorso di cittadinanza attiva.

“È doveroso, da parte dell’istituzione consiliare, dare la possibilità a coloro che vogliono impegnarsi attivamente, di avere le informazioni e la formazione che potrebbero consentire di svolgere un ruolo più attivo nella crescita di quella società che li vedrà, a breve termine, protagonisti.” Queste le finalità di un percorso che ha visto, in data 10 giugno ’19, la sua conclusione. Nell’ambiente del Consiglio Regionale infatti i ragazzi, divisi in 3 commissioni ed emulanti altrettanti consigli regionali, hanno presentato 3 differenti proposte di legge.

La giornata ha avuto come tema centrale la costituzione, riferimento essenziale del progetto, implementando la presentazione dei ragazzi con diversi e significativi interventi, quali l’excursus di storia e valori legati alla bandiera e all’Inno nazionale, da parte del segretario generale del Consiglio regionale Mimma Gattulli, la partecipazione del vice presidente del Consiglio regionale Giuseppe Longo, una lectio magistralis del senatore Alberto Maritati, magistrato ed ex parlamentare, ed emozionanti performance musicali, eseguite dal tenore Antonio Stragapede, accompagnato dalle voci degli allievi dell’Istituto Superiore di studi musicali G. Paisiello di Taranto e dal Maestro Dante Roberto al pianoforte.

Le proposte di legge riguardavano ambiti diversi, ma tutti molto interessanti e ben studiati.

Il primo gruppo ha proposto l’istituzione di un Consiglio Giovani in tutti i comuni pugliesi: “un progetto che coinvolga tutti i comuni della regione Puglia, all’interno del quale dei giovani – candidati ed eletti – possano trovare spazio per emulare il Consiglio e la giunta comunale, il segretario comunale e il sindaco.” A seguire vi è stata la proposta, riguardante la tutela della salute del territorio, attraverso l’introduzione di limiti -sulla base di ricerche scientifiche europee – riguardo le distanze tra le stazioni di carico e scarico di carburante. Da parte del terzo gruppo, infine, è giunta la proposta di “promozione turistica dei cammini religiosi in Puglia”, mediante il riconoscimento e la valorizzazione delle Vie Francigene, in quanto strumento utile per contribuire alla promozione del patrimonio e dei siti culturali pugliesi.

Ogni relatore, Adriana Amato per la commissione 1, Simone Andriani (studente universitario di Informatica a Bari, precedentemente IISS “Ferraris-Montalcini”- Molfetta) per la commissione 2 e Massimiliano Giammarini (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” Cassano delle Murge) per la commissione 3, ha presentato la proposta e l’articolato, come fine di un percorso di approfondimento in materia di legislatura, conoscenza della costituzione e cittadinanza attiva. Al termine ha preso parola Anna Vita Perrone, Dirigente della sezione Biblioteca e Comunicazione Regionale, che ha sovrinteso alla realizzazione del progetto e, con un toccante intervento, ha ringraziato i ragazzi per aver preso parte, con serietà e partecipazione, ad ogni incontro, rinnovando la speranza di aver formato, non giovani politici, bensì cittadini consapevoli.

Chiara Solito

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto, falso allarme bomba presso la raffineria Eni. Denunciato in stato di libertà un operaio di 41 anni

Oggi, 11 settembre 2019, alle ore 17.00 circa, al termine di immediate indagini, personale del …