venerdì 23 Ottobre, 2020 - 5:33:08

Consigliera comunale fa il saluto romano ed il web si scatena

2710953-014-U460004628905425AF-U4601096644857148G-1224x916@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno-593x443Sandra Dicursi, divenuta inaspettatamente nota, è il nome della giovane consigliera comunale di maggioranza della vicina Manduria . Da qualche giorno la notizia sta facendo il giro del  web  per una foto postata sul noto social Facebook, infatti, la ragazza ha postato sul proprio profilo (Sandra Diabolik) una immagine che la ritrae mentre fa il saluto con la mano destra in compagnia di amici. La cosa sarebbe passata inosservata se ad accompagnare la foto non fosse stata una espressiva frase: “Se solo ci fosse il Duce…”.

A riportare la notizia è La Voce di Manduria ed il Corriere del Mezzogiorno, il sindaco di Manduria, Roberto Massafra (eletto grazie al supporto di una lista civica, ma con un passato di sinistra), ha fatto sentire la sua versione ed ha così  commentato la vicenda: “Non ho dubbi che la foto che ritrae Sandra mentre sventaglia la mano destra nel saluto romano sia da considerare una stupidità piuttosto che una consapevole apologia”, spiega il Sindaco, aggiungendo: “Siccome Sandra Dicursi è una consigliera comunale, cioè, come me, un personaggio pubblico ha il dovere di comportarsi con decoro anche nella vita privata e di non offendere le istituzioni democratiche che è stata chiamata a rappresentare”. Non ci saranno “provvedimenti”, anche se precisa il Sindaco “a Sandra voglio bene, un po’ meno a chi, prendendola sul serio, stupidamente e acriticamente la difende anziché dargli una bella…sculacciata (metaforicamente, s’intende)”.

A mandare un messaggio di solidarietà alla  giovane consigliera ci ha pensato il vicesindaco di Avetrana,  Alessandro Scarciglia, il quale dal suo profilo di Facebook la “rassicura che non è sola“: “A Manduria una ragazza (consigliere comunale in carica) durante un momento di svago con degli amici si fa fotografare mentre fa il “saluto romano”. Successivamente la foto viene pubblicata e come di consueto i “moralisti” la attaccano sui social e qualcuno chiede addirittura le dimissioni dalla carica di consigliere comunale. Ora, io non conosco personalmente questa donna ma le sono vicino in questo momento e spero che non si faccia intimorire da questi falsi moralisti. Nel 2015 si ha ancora paura del saluto romano??? Assurdo! Ancora si parla di fascisti e comunisti? Assurdo! E se lo si dovesse fare bisognerebbe aver paura anche del saluto col pugno chiuso che rappresenta quel comunismo che conta circa 100 MILIONI di morti nel mondo sulla propria coscienza. Lo stesso pugno chiuso dietro al quale alcuni partigiani comunisti si sono nascosti mentre il loro “compagno” Tito trucidava gli stessi loro fratelli sol perché erano italiani. Ma ha senso parlare di tutto ciò ora, per un saluto romano? E mi chiedo: questi pseudomoralisti perché non si sono scandalizzati dieci anni fa quando l allora sindaco di Manduria (certamente politicamente vicino a loro) firmava per l accettazione della condotta sottomarina del depuratore consortile? Perché essi non si arrabbiano se non vi è un piano per lo sviluppo turistico delle marine? Qualcuno dirà: “pensa ai problemi di Avetrana che a Manduria pensiamo noi”! Bene, ma sappiate che Manduria è un problema di tutti, perché se non si sveglia Manduria che è il comune più grosso, rischiamo di affondare tutti. Consigliera Sandra Di Cursi, tranquilla, non sei sola!

Per niente dispiaciuta sembra essere invece l’interessata che se la prende con il giornale “La Voce di Manduria” colpevole, dice, di aver frugato nella sua vita privata e di avere male interpretato le sue performance pubblicate sul suo profilo Facebook.

Molti invece i post indirizzati al sindaco di Manduria “provate a fare qualcosa di serio e sensato per Manduria e i Manduriani” scrive il utente di Facebook ed ancora “Molta importanza a questa vicenda di pura goliardia invece di pensare ai reali problemi che affliggono la cittadina messapica”

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.