venerdì 30 Luglio, 2021 - 14:48:31

Consuntivo annuale del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, al Basilicata ed il Molise, con 25 persone arrestate, 281 indagate, 21 rintracciate.

Sono state controllate 178.438 persone, 281 denunciate e 25 arrestate questi i risultati dell’attività del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise nelle stazioni ed a bordo dei treni, nell’anno 2020.

27 persone sono state segnalate all’Autorità Amministrativa per l’uso personale di sostanze stupefacenti, mentre a circa 3 chilogrammi, per lo più cannabis, corrisponde il quantitativo di sostanza stupefacente sequestrata, anche con l’ausilio delle unità cinofile della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza.

Per quanto concerne il contrasto ai furti di rame di proprietà di imprese ferroviarie, sono stati conseguiti i seguenti risultati:

  • n. 442 i servizi di pattugliamento delle linee ferroviarie maggiormente interessate da tale fenomeno predatorio;
  • n. 185 i depositi di metallo/rottamai sottoposti a controllo;
  • 1.800 i chili di cavi di rame di provenienza furtiva rinvenuti;
  • n. 6 persone tratte in arresto per furto aggravato di cavi di rame e n. 11 denunciate all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

Nell’ambito dell’attività di prevenzione, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, sono state identificate 178.438 persone ritenute sospette, di cui 18.539 cittadini stranieri, dei quali 22 rintracciati in posizione irregolare sul territorio nazionale. 27.330 le persone controllate con pregiudizi di polizia e penali.

  • 6.082 i veicoli sottoposti a verifica;
  • 480 le sanzioni amministrative elevate per la violazione del Regolamento di Polizia Ferroviaria e del Codice della Strada;

  • 9.639 i servizi di vigilanza espletati nell’ambito degli scali ferroviari e 531 quelli antiborseggio nelle stazioni;

  • è stata assicurata la presenza di 1.178 pattuglie della Polizia Ferroviaria su 1.981 treni del trasporto regionale e a lunga percorrenza diurna/notturna.

Ed ancora, nelle stazioni e sui treni, ove quotidianamente transitano decine di migliaia di passeggeri, durante il 2020 sono state rintracciate 21 persone scomparse, allontanatesi dai nuclei famigliari o da case di accoglienza, tra cui 14 minori.

Nel corso dell’anno sono stati salvati anche due animali, appartenenti a specie protette: un riccio ed un barbagianni, affidati agli agenti del settore faunistico del Centro Recupero Animali Selvatici della Regione Puglia.

Significativi i contatti con le scuole, nel progetto di sicurezza ferroviaria “Train to be cool”, nell’ambito del quale, solo nei primi due mesi dell’anno, sono stati coinvolti 762 studenti, soprattutto delle scuole medie superiori. Nell’anno appena iniziato la Polizia Ferroviaria è disponibile per lezioni in modalità “a distanza”.

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Manduria ZTL: da sabato 24 Luglio sarà istituita nelle marine

Il Sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro e l’Amministrazione Comunale, rendono noto alla cittadinanza che a …