giovedì 13 Dic, 2018 - 4:47:04
Home > La Voce > Locali > Depuratore a Specchiarica: “tecnici già all’opera”

Depuratore a Specchiarica: “tecnici già all’opera”

MANDURIA – Mentre i partiti e i comuni nicchiano e le associazioni lanciano proclami, i tecnici dell’Acquedotto pugliese sono già all’opera per preparare il cantiere del nuovo depuratore consortile di Manduria, Sava e delle marine. Pare, infatti, che inviati dell’ente regionale che gestisce le acque e gli impianti di depurazione in Puglia, si siano recati sul posto  per fare i primi rilievi sull’area destinata agli espropri (tra la zona Urmo Belsito e il mare) dove saranno costruiti i canali che porteranno i liquami nella condotta sottomarina con sbocco a Specchiarica. I tecnici, armati di metro e strumentazione tecnica, prendevano evidentemente le misure per l’imminente perimetrazione del cantiere.  Se ne sono accorti i Verdi di Manduria che con il loro consigliere Gregorio Perrucci preparano le prossime mosse: «presenteremo una richiesta di Consiglio comunale monotematico da tenere in un luogo simbolo esterno alla sala consigliare, magari proprio sul posto destinato ad accogliere l’impianto», afferma Perrucci che cerca consensi anche nella maggioranza. «Un tema così importante – dice – non può avere steccati ideologici o politici». Così una prima sponda l’ha ottenuta proprio dal presidente della seconda commissione consigliare, Nicola Dimonopoli (Pdl). «Faremo il possibile e anche l’impossibile per scongiurare tale sciagurata opera», promette Dimonopoli che a giorni riunirà la commissione proprio con questo obiettivo. «Certe scelte – aggiunge il consigliere di maggioranza – non possono passare sulla testa delle popolazioni che sull’argomento, tra l’altro, si sono già espresse molto chiaramente: il depuratore così com’è stato progettato, non lo vogliono e noi partiti siamo con loro». Il tema della discussione è noto: si al depuratore, no allo scarico a mare. L’alternativa prospettata e caldeggiata da tutti sarebbe quella di affinare i liquami sino al livello di tabella 4, massimo della filtrazione, e utilizzare le acque in agricoltura. Un impianto simile avrebbe un costo di gran lunga superiore a quello cui sono disposti a pagare l’Aqp e la Regione Puglia. «Ma quando si parla di igiene pubblica e di economia di un intero territorio, non si può badare al risparmio», dichiara ancora Dimonopoli che è disposto anche a scendere in piazza in una manifestazione pubblica.

L’altro ieri, intanto, l’Acquedotto pugliese ha inaugurato il nuovo depuratore di Gallipoli affidando proprio a Legambiente il compito di vigilare sulla correttezza degli impianti e sulle analisi delle acque depurate. La struttura gallipolina, vanto dell’Aqp, possiede la tecnologia di nuova generazione che permette la massima affinazione dei liquami (tabella 4, appunto) ed anche il riutilizzo agricolo dei fanghi grazie ad un processo che li trasforma in concime organico.

Fernando Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Francia: spari nel centro di Strasburgo nei mercatini di Natale, 2 morti accertati e 11 feriti

Spari in un mercato di Natale a Strasburgo, in Francia. Il bilancio provvisorio sale ad …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.