sabato 23 Gennaio, 2021 - 5:10:56

Diritti dei minori e lotta all’omofobia e transfobia: la proposta educativa di Amnesty International Italia per l’anno scolastico 2014-15

scuole attiveIn occasione dell’inizio dell’anno scolastico 2014-15, Amnesty International Italia ha annunciato la sua offerta educativa a scuole e istituti di ogni ordine e grado, centrata sulla celebrazione del 25° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e sulla necessità di contrastare l’omofobia e la transfobia in ambito scolastico.

“Sono passati 25 anni da quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Per la prima volta, in un atto internazionale, i minori sono stati riconosciuti come protagonisti: persone che hanno il diritto di partecipare alle scelte che le riguardano, in grado di esprimere idee proprie e prendere decisioni” -ha sottolineato Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia.

“Gli strumenti educativi di Amnesty International, come il progetto Amnesty Kids, rivolto alle scuole primarie e secondarie di I grado, hanno l’obiettivo di far conoscere ad alunne e alunni i loro diritti sanciti dalla Convenzione del 1989, in modo che ne comprendano l’importanza e si attivino per difenderli”.”La scuola è uno dei principali luoghi in cui ragazze e ragazzi si confrontano con i modelli prevalenti nella società” – ha poi ricordato Rufini –  “e negli ultimi anni, in Italia, attacchi verbali e fisici nei confronti delle persone omosessuali e transessuali si sono verificati con preoccupante frequenza”.

Per questo, Amnesty International Italia propone alle scuole secondarie di II grado il progetto Scuole attive contro l’omofobia e la transfobia. Il progetto, composto da un sito internet e una guida per gli insegnanti scaricabile gratuitamente online, vuole essere un luogo in cui studenti e professori di istituti diversi si incontrano per scambiarsi idee, proposte e azioni per migliorare il proprio ambiente scolastico.

“È un fatto preoccupante – ha rilevato Rufini – che da diversi mesi scuole di ogni ordine e grado, associazioni ed enti impegnati in attività di contrasto alla discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere in ambito scolastico subiscano attacchi da parte di alcuni rappresentanti delle istituzioni. È dimostrato quanto l’omofobia e la transfobia subite a scuola abbiano ripercussioni negative molto forti nella vita delle vittime, non solo da adolescenti ma anche quando saranno adulti. Per questo è fondamentale che le scuole siano luoghi rispettosi dei diritti umani e liberi da ogni forma di discriminazione e violenza”.

Per conoscere tutte le proposte educative di Amnesty International Italia è possibile consultare il catalogo “Educare ai diritti umani“, corredato di un poster con gli articoli semplificati della Convenzione e illustrato da Antonella Abbatiello. Oltre a essere consultabile on-line, il catalogo “Educare ai diritti umani” può essere richiesto, in formato cartaceo, alle strutture locali dell’associazione.

Per maggiori informazioni sulle attività e i materiali di educazione ai diritti umani si possono consultare le pagine della sezione www.amnesty.it/educazione o contattare l’ufficio Educazione e formazione all’indirizzo eduform@amnesty.it.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Prosegue il progetto “Basequa”, su Zoom tre appuntamenti on line

Prosegue il progetto “Basequa” che prevede tantissime attività – tutte gratuite e opportunamente rimodulate per …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.