giovedì 02 Dicembre, 2021 - 17:59:36

DOMANI Ivan Cotroneo presenta il film “Un Bacio” a Taranto

unbacio orizzontale

La manifestazione AdolescenDay ha animato nel weekend l’Istituto Salesiano “Don Bosco” che è stato preso d’assalto da centinaia di giovani che sono stati protagonisti della loro vita, esprimendosi una volta tanto in assoluta libertà, senza imposizioni e vincoli.

Un grande palco per le esibizioni delle band, l’esibizione di droni, postazioni con videogiochi, aule per i workshop di grafica e disegno di cartoon: è stata un’autentica esplosione di entusiasmo, di gioia di vivere e vitalità, con gli adolescenti che hanno potuto esprimersi liberamente nelle loro grandi passioni: il web, la musica, i videogiochi, il cosplayer, lo sport e i cartoon…

Nella giornata di DOMANI, martedì 17 maggio, alle ore 17.00 al Teatro Orfeo di Taranto AdolescenDay vivrà il suo momento finale, con la proiezione del film-cult “Un bacio” (biglietto: 3 € studenti – 5 € adulti); in sala sarà presente il regista Ivan Cotroneo, autore dell’omonimo best seller da cui è tratto il film, che dialogherà con il pubblico.

Ivan Cotroneo orizzontale

Nell’occasione, inoltre, saranno premiati i tre studenti vincitori del contest di poesia, grafica e fotografia “#UnBacio – #LAmiciziaTiSalva”, i cui gli elaborati sono stati votati dal pubblico durante il weekend, con soggiorni messi a disposizione dall’agenzia viaggi “JoAn Tour” di Taranto.

Nel film “Un Bacio” Ivan Cotroneo affronta con coraggio il tema dell’omofobia e del bullismo nel mondo degli adolescenti: è la storia di Blu, Lorenzo e Antonio, tre sedicenni uniti da un legame affettuoso, a volte contraddittorio e confuso. I tre ragazzi sono vittime degli altri e di se stessi, e in tutto il film cercheranno di fare la “cosa giusta”, senza però riuscirci, anche se, come dice Blu nel finale, «bastava poco».

Il film sfata l’idea diffusa che a un ragazzo con problemi corrisponda sempre un genitore disattento: «non è così – ha detto Ivan Cotroneo – e i ragazzi sanno di poter sempre contare sui loro genitori: quando ho chiesto loro con chi avrebbero voluto vedere “Un bacio” hanno messo al primo posto gli amici, ma già al secondo c’erano i genitori».

«Ma spesso da sole le famiglie – ha sottolineato Mara Romandini, project manager di AdolesceDay – non riescono a proteggere i figli, mentre in questo un ruolo fondamentale spetta alla scuola: lì si dovrebbero affrontare i temi fondamentali per la crescita, cosa che non accade. Molti insegnanti si limitano a istruire, quando dovrebbero formare. Lo vediamo nei nostri incontri, i ragazzi hanno bisogno di confrontarsi con gli adulti».

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Un 150 chili  di botti custoditi in due appartamenti: 58enne incensurato arrestato dalla Polizia di Stato

Con l’approssimarsi delle feste natalizie, si fa sempre più stringente l’attività di contrasto della Polizia …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.