martedì 26 Gennaio, 2021 - 7:14:57

Evviva! Altri autovelox in arrivo lungo la Litoranea Salentina a Maruggio

Immagine di repertorio
Dal primo giugno 2018, sarà operativo un altro autovelox sul territorio di Maruggio. I “cari turisti”  che affollerano (lo speriamo)  le nostre spiaggie troveranno un nuovo misuratore di velocità ad attenderli sulla strada litoranea che da Torre Ovo porta a Campomarino.

Sarà installato un nuovo dispositivo autovelox in zona “Scorcialupi”, che si va ad aggiungere a quello collocato in zona “Mirante” (venendo da San Pietro in Bevagna verso Campomarino) e ai due semafori photored presenti sulla Maruggio-Campomarino e all’altezza del Conte d’Ayala.

È quanto si legge nelle Determine pubblicate sull’Albo Pretorio del Comune di Maruggio  (Determine Dirigenziali n. 511 e 512 del 09.05.2018)

Ritenuto che è necessario si moderi la velocità dei veicoli anche in detto tratto della litoranea loc. Scorcialupi per tentare di porre un argine alla velocità elevata dei mezzi transitanti nel tratto di strada indicato, densamente popolato per l’elevato numero di abitazioni a lato della via, mediante la fornitura e posa in opera di un misuratore di velocità che accerti le infrazioni in nella direzione di entrata verso Campomarino;
Ritenuto pertanto che è indispensabile installare su detto tratto di strada e precisamente nella particella N.1510 foglio N.30 misuratore di velocità Photored F17Dr analogo a quello già operativo in località Mirante di questo Comune, per la durata del contratto con la Ditta TEC srl e precisamente fino al 15.07.2019.

Il misuratore di velocità resterà attivo, come quello già funzione in zona “Mirante”, anche nel periodo invernale, quando i flussi automobilistici sono decisamente bassissimi. Nella Determina n. 512, infatti, è stabilito che la manutenzione del dispositivo va dal 1 Giugno 2018 al 31 Dicembre dello stesso anno; e dal 1 Gennaio 2019 al 15 Luglio sempre del 2019.

Nel corso della seduta di  Consiglio Comunale del 31.07.2017 di discusse di un punto all’ordine del giorno: “Rideterminazione capisaldi S.P.122  Litoranea Salentina versante ovest”.

Il  Comune di Maruggio chiese alla Regione Puglia la “declassificazione” della Strada Provinciale, e  procedere poi all’acquisizione al patrimonio comunale.

Durante la discussione in Consiglio Comunale l’opposizione votò favorevole con la seguente motivazione: “Maruggio Democratica” è favorevole alla declassificazione della Strada Provinciale, non fosse altro perché una volta acquisita la proprietà comunale potremmo iniziare quegli importanti interventi della rigenerazione costiera. È un tratto di strada molto interessante dal punto di vista naturalistico: in effetti ci ricordiamo quasi esclusivamente delle dune di Campomarino del lato orientale, eppure occorrerebbe intervenire anche su questo tratto di strada, perché potrebbe diventare un nuovo water-front, realizzando infrastrutture di mobilità lenta.

L’unica cosa che mi sento di dire – dichiarò il consigliere Aldo Summa – , è che non si riduca tutta l’operazione ad una eventuale collocazione di dispositivo autovelox, perché possiamo regolamentare il traffico, vigilare sulla velocità del traffico con altri accorgimenti compatibili e integrabili dal punto di vista paesaggistico”.

Anche il Consigliere del gruppo consiliare “Vivere Maruggio” –  Alberto Chimienti – il quella seduta dichiarò: “Vivere Maruggio” esprime voto favorevole, con la condizione che ciò non venga utilizzato per scopi esclusivi per fare dei soldi”.

Il vice sindaco, nonché Assessore alla Polizia Municipale – Giovanni Maiorano -, rispose ai consiglieri di opposizione : “quando abbiamo acquisito una strada, l’abbiamo già dimostrato, l’abbiamo fatto di poter intervenire e risolvere i problemi”.

L’autovelox è un ottimo deterrente e sicuramente tutela la sicurezza stradale che senz’altro limita gli incidenti stradali nel periodo estivo ma nel periodo invernale, quando quelle tratte sono notevolmente ridotte dalla percorribilità automobilistica, ha motivo di essere in funzione?

Questa passione, per gli autovelox fissi, francamente appare un po’ sibillina. Non c’è sicuramente da dubitare circa le buone intenzioni dei nostri amministratori, quando affermano che lo fanno per la sicurezza stradale ma in molti resta il dubbio su una finalità mai dichiarata quella di aver individuato, anche o soprattutto?, un ottimo strumento per far cassa.

I bilanci comunali, nell’ultimi anni, hanno trovato negli introiti delle multe per eccesso di velocità, una nuova, consistente fonte di entrata, ben maggiore di qualche altra tassa comunale, visto che si parla anche di parecchie decine di milioni di vecchie lire. Il dubbio si rafforza se si esamina la messa in funzione nel periodo invernale infatti, gli autovelox più che un deterrente a velocità davvero pericolose, paiono essere degli agguati per mangiar soldi.

Fissati su strade dove certe velocità sono prassi, appare evidente che l’obiettivo primario sia quello di incassare le consistenti multe. In altre località, in Italia ed in Europa, si usano anche altri sistemi di rallentamento ad esempio bande sonore, segnalatori visivi della velocità. Perché qui si è così industriosi solo ai proventi? Questo, secondo voi, vi sembra il modo migliore per abituare gli automobilisti a rispettare le indicazioni e divieti?

Leggi anche:

Comune di Maruggio Autovelox e Fotored incassi di multe a livelli record

 

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La città di Leonida. Rilanciamo Taranto tra archeologia e letteratura. Un vero Progetto per la contemporaneità

“Riposo molto lontano dalla terra d’Italia/e di Taranto mia Patria/e ciò m’è più amaro della …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.