giovedì 26 Novembre, 2020 - 1:33:30

Festa della Repubblica: oggi inizia il piacere dell’ozio

IM000976

La nostra “regina” è la controra. La controra inizia il 2 giugno e finisce il 30 settembre. La controra è l’ora deliziosa e proibita che nasce subito dopo aver finito di pranzare. Subito dopo, non più tardi. E’ l’anticamera del pomeriggio. E’ una specie di pre-pomeriggio. Controra per noi vuol dire “ora contraria all’agire”, per cui è d’obbligo non agitarsi. E per non agitarsi dobbiamo dormire. Inizia così il lungo e dolce cammino della distesa sul letto o sul divano.

Controra per i giovani degli anni ’60 (ed io tra questi) significava soprattutto l’assalto alla villa comunale per lavare, armati di spugna e secchio, la bicicletta o la “vespetta”. E subito dopo: «Mo’ ci voli ‘na bella gazzosa!». La fresca bevanda (soft drink) si acquistava al chioschetto della signora Sofia (vedi foto). Il chiosco-bar non era esteticamente bello. Era uno buco di quattro metri quadrati, ma andava bene così. Di quei tempi poi…

Nel tardo pomeriggio invece, ricorda il mio amico Marcello Veneziani: «c’è chi trascorre lunghe ore tumulato nel cesso, seduto sulla tazza come su un trono di ozio a indagare nel vuoto, a coltivare prolisse stitichezze, a sfogliare riviste e occhieggiare figure, a masturbarsi, oppure a guardare allo specchio la propria immagine, a curare i dettagli più trascurabili del corpo, i capelli, la manicure, il pedicure, i punti neri e la peluria. A volte la beatitudine pomeridiana è legata ad un pelo da coltivare, ad un’unghia, ad una pustola di grasso da spremere».

Torre Moline

A sera «tutti alla rotonda!» di Campomarino (all’anagrafe Piazzale Impero, poi Piazzale Italia, in seguito Piazzale Chioschetti ed infine Piazza Titanic), a “cazzeggiare” intorno alle quattro palme o ad ascoltare le canzoni dell’anno provenienti dal juke-box del “chiosco mobile” del ‘64 di Cosimino Giorgino, sovrapponendo la nostra voce a quella del nostro cantante preferito. Seduti in compagnia di una fresca Raffo ascoltavamo le canzoni degli anni ’60, che rimarranno le più belle del secolo. Il “cazzeggio” doveva terminare alle 8 di sera. Non di più. L’ordinanza del sindaco Lomartire, infatti, relativa alle «attività rumorose e moleste per la zona di Campomarino erano consentite dalle ore 8 alle ore 12 e dalle ore 17 alle 20».
Questa è la mia “regina” preferita. Si chiama controra. Buona controra a tutti.

Tonino Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Bollettino epidemiologico Regione Puglia del 19 novembre 2020

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.