lunedì 20 Maggio, 2019 - 7:56:31
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: La Torre Normanna di Cisternino

Fortezze e Castelli di Puglia: La Torre Normanna di Cisternino

La Torre Normanna di Cisternino risale alla fine dell’XI o all’inizio del XII secolo e tuttavia già alla metà del XIV secolo viene descritta come in completo abbandono ed in rovina. I primi interventi di restauro e modifica, i primi di una lunga serie che gradualmente ne hanno cambiato l’aspetto originario, vennero effettuati verso la fine dello stesso secolo. In contemporanea anche il casale di Cisternino venne dotato di una cinta muraria. Ulteriori interventi più recenti provvidero ad adeguare la fortezza al tiro delle armi da fuoco. La struttura è anche detta Torre Grande per il fatto che venne eretta in prossimità del principale ingresso urbico: la Porta Grande.
Costruita su uno dei colli più alti delle Murge, incuneata fra l’Adriatico e la Valle d’Itria, consentiva un’ampia azione di osservazione e controllo strategico dell’area, grazie anche alla possibilità di restare in contatto viso con i castelli di Ceglie ed Ostuni. Dell’ultimo restano solo una torre ed un giardino.
Nel corso del XVI secolo la torre perse le sue caratteristiche difensive e fu concessa alla Curia Vescovile che la tenne sino agli inizi del XIX secolo, quando venne acquistata dall’Università, dove con tale nome si intende il Comune di Cisternino che, per un certo periodo la adibì a propria sede municipale. Nel 1848, anno in cui venne demolita Porta Grande, la torre ospitò il Comando della Guardia Nazionale, mentre alcuni ambienti vennero adibiti a prigioni. Trasformata ancora in edificio scolastico, in seguito è tornata ad essere sede municipale ed infine ufficio postale. Negli anni ’90 del XX secolo sono stati effettuati interventi di restauro e conservazione.
La struttura ha una pianta quadrangolare e si sviluppa su tre livelli.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Troppe neoplasie polmonari, da giugno la campagna di controlli Spesal su gas radon e divieto di fumare in locali aperti al pubblico

Stop al gas radon e al fumo da tabacco in luoghi aperti al pubblico. Partiranno …