domenica 09 Maggio, 2021 - 3:20:52

Il Gal “Terre del Primitivo” si racconta

img_archivio122122015212220Il GAL Terre del Primitivo è riuscito a ­­­­raccontarsi nel corso di una intensa giornata che ha visto protagonisti tutti gli attori di un territorio ricco e produttivo, beneficiari di un’azione strategica durata oltre 6 anni.

Il fitto programma della giornata è iniziato con un educational tour, a cui hanno partecipato food blogger regionali e nazionali, per conoscere i tre prodotti di punta dell’agroalimentare di qualità il vino ‘Primitivo’, l’olio extravergine di oliva e le produzioni lattiero-casearie.

Nel pomeriggio spazio al bilancio delle attività con il convegno ‘Il GAL si racconta’ che si è aperto con la disamina delle attività svolte da parte del Direttore del GAL Terre del Primitivo, Rita Mazzolani. “Il dettagliato resoconto delle attività – ha detto il Direttore Mazzolani – inquadra una realtà importante e complessa che ha coinvolto l’intero territorio composto da 11 Comuni, 17 agriturismi, 2 masserie didattiche, 15 microimprese nel settore dell’artigianato tipico, del commercio di prodotti tipici, dei servizi alla persona e del tempo libero a favore delle comunità rurali, 44 piccole strutture ricettive (affittacamere e case vacanza), 3 progetti per i Comuni a favore dei servizi sociali, 25 progetti finalizzati al recupero di immobili (masserie, palazzi, etc.) di comprovato interesse artistico-storico-archeologico”.

Primitivo di ManduriaChiusa una programmazione se ne apre un’altra che punta ad obiettivi ancora più ambiziosi. “L’obiettivo che il GAL Terre del Primitivo si è prefissato – ha spiegato Vincenzo Fucilli dello Spinoff ‘Sinagri’ dell’Università di Bari – è stato di innescare un insieme di attività alla base di una strategia di sviluppo turistico sostenibile, attraverso le opportunità offerte nell’ambito del PSL 2007/2013. Nella futura programmazione il tema del turismo rurale è perfettamente pertinente e il GAL, qualora volesse candidarsi nuovamente, avrà a disposizione una vasta gamma di opportunità che rafforzeranno e daranno continuità all’attività già svolta, dopo un’attenta analisi dei punti di forza e di debolezza”.

Numerose le novità sulla nuova programmazione, oltre che “le stesse scelte regionali relativamente ai GAL e alle risorse finanziare in dotazione – ha specificato Pierpaolo Pallara, Ricercatore CREA – che offriranno strumenti efficaci per la crescita e la maturazione dei GAL e, nello stesso tempo, utili margini di azione e di intervento, con una grande autonomia nella programmazione, che i GAL potranno avere, gestendo gli interventi che deriveranno dalle analisi approfondite e dalle esigenze dei territori”.

Le case history presentate – ha chiuso il Presidente del GAL Terre del Primitivo, Ernesto Soloperto – sono il miglior bigliettino da visita delle buone prassi messe in campo in questi anni e un patrimonio straordinario da cui ripartire per poter migliorare nel prossimo futuro. Riteniamo che la futura programmazione possa essere un’importante occasione per individuare una strategia comune con le aziende locali e i Comuni del GAL per una concreta promozione del territorio”.

La giornata si è chiusa con la degustazione dell’eccellenze del territorio, offerte e comunicati direttamente dagli imprenditori agricoli.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Anziano cade in casa, salvato dalla Polizia di Stato

Anziano cade in casa, salvato dalla Polizia di Stato

A tarda sera di ieri, il personale in servizio presso la Sala Operativa della Questura …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.