giovedì 20 Gennaio, 2022 - 17:09:20

Incendio parco di Punta Pizzo a Gallipoli, trovato corpo carbonizzato

Incendio parco di Punta Pizzo a Gallipoli, trovato corpo carbonizzato

È stato trovato un cadavere, a Gallipoli, nell’area dove oggi pomeriggio e’ scoppiato un incendio, all’interno del Parco naturale regionale di Punta Pizzo, dove sono andati in fumo un pezzo di pineta e la vegetazione che ricopre le dune. Sono in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine per risalire all’identità della persona. L’incendio è scoppiato nel primo pomeriggio alimentato da un forte vento di scirocco.

Il rogo è partito dalla litoranea vicino a un parcheggio abusivo, sequestrato anni fa alla criminalità organizzata e già oggetto di tre incendi nelle ultime due settimane. Le fiamme hanno attraversato in breve la pineta, distruggendo la vegetazione del lato mare. Provvidenziale l’intervento di un Canadair che, arrivato da Lamezia Terme per contribuire alle operazioni di spegnimento dei Vigili del fuoco, ha bloccato il fronte del fuoco, che era arrivato a lambire l’albergo Le Sirenè, fatto evacuare per precauzione.

Paura anche tra i bagnanti, alla vista delle fiamme sulla scogliera. La situazione ora è tornata sotto controllo. Ingente il danno ambientale secondo il responsabile di Legambiente Gallipoli, Maurizio Manna. La vegetazione distrutta è infatti la fascia più sensibile del parco, quella dei 12 metri che si affacciano sulla scogliera, dove crescono i ginepri.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C'è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C’è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Abitano il tempo e l’esilio della parola. La cognizione dell’esistere oltre il dolore. C’è sempre …