martedì 18 Giugno, 2019 - 2:45:16
Home > Rubriche > Il Punto > Io e la fiaba, di Tonino Filomena

Io e la fiaba, di Tonino Filomena

PIAZZA SENZ'ANIMA
PIAZZA SENZ’ANIMA
La mia breve scampagnata elettorale è terminata. Posso finalmente tornare a fantasticare. Già! Perché a me piacciono le fiabe. La fantasy è la mia categoria (non politica) preferita. Perché le fiabe, ovvero i racconti, le storie, le novelle, le leggende contengono più verità di quanto non ve ne siano nella cronaca reale, specie quella degli ultimi giorni del paese mio. Le fiabe “parlano” di una evoluzione già compiuta o ancora da compiere. Le fiabe scritte sono un presagio che induce il lettore verso un’elevazione spirituale. Ed io leggo. E quanto più leggo, tanto più mi allontano dalle menzogne quotidiane che mi vengono rifilate dai “cronisti” politici che dimorano nel mio borgo natio e, più precisamente, nella Piazza del Popolo, che è divenuta, dopo la tumultuosa stagione elettorale, meno piazza con meno popolo umanizzato. Dovrebbero rinominarla. Meglio sarebbe se la denominassero Piazza senz’Anima (vedi foto). Perdonatemi, amici miei, se vi dico che la fiaba indica la strada per ritrovare i valori autentici a cui l’uomo dovrebbe sempre riferirsi per poter “star bene” con se stesso. Accogliere il profondo significato della fiaba significa accostarsi ad essa con animo aperto, pieno di fantasia, una qualità che oggi sembra essere rifiutata dai miei paesani, per ragioni condivisibili o meno. Si sono inariditi. E ciò mi fa star male.

Le fiabe sono conquiste interiori; sono rappresentate per immagini “fisse” oltre il tempo e lo spazio. Sprigionano passioni e istinti appartenenti ad una Umanità “bambina” figurata e, quindi, innocente e onesta.
Nella fiaba, per mezzo delle metafore, il cui vero significato deve essere percepito per poterlo accettare, vive quello che ogni uomo porta con sé: la giustizia per i giusti o il castigo per le vili azioni commesse.
Perciò, cari amici adulti, vicini e lontani dalla mia coscienza, che avete la pazienza di leggermi, attenti a non scambiare la fantasia con la fantasticheria. Io non fantastico! Ho iniziato un nuovo percorso. Imparo ad accettare dalle fiabe quelle immagini che fanno intuire l’esistenza di un mondo diverso, che fanno sperare in un “paese nostro” migliore, e che aiutino i “nostri adulti” a pensare anche con il cuore, per poter agire lealmente come molto spesso riescono a fare i bambini. Anche i loro bambini, perché sono veri e innocenti come le fiabe da cui ricevono nutrimento. Ora non mi rimane che attendere. Non mi rimane che la fiaba… nell’attesa di una Maruggio migliore. La mia speranza è affidata tanto ai vinti quanto ai vincitori.

Tonino Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Scontro tra auto e pullman, giovane 19enne muore sulla Taranto – Statte

  TARANTO –  Gravissimo incidente stradale sulla strada Taranto-Statte. Questa mattina nei pressi della portineria …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.