giovedì 08 Dicembre, 2022 - 23:30:21

Lazzàro (Confagricoltura Puglia): “La criminalità uccide anche il Made in Italy”

Lazzàro (Confagricoltura Puglia): “La criminalità uccide anche il Made in Italy”“La criminalità organizzata è entrata da tempo nel grande mercato agroalimentare pugliese, dove primeggiano le eccellenze del Made in Italy”

“Fenomeni come l’usura, i furti e le estorsioni, il controllo della manodopera illegale, l’accaparramento dei terreni agricoli, il riciclaggio di capitali di provenienza illecita, le contraffazioni e le frodi minacciano e limitano la libera concorrenza fra le imprese agricole. Le pratiche sleali e criminali bloccano la competitività delle aziende sane, mettendo a rischio imprese, posti di lavoro e persino la salute dei consumatori”.

Così Luca Lazzàro presidente di Confagricoltura Puglia durante la seduta di ieri della Commissione regionale di studio e inchiesta contro i fenomeni della criminalità. La riunione, svoltasi su richiesta del presidente Renato Perrini, è stata organizzata per comprendere lo stato dell’arte della legalità nei settori produttivi e le eventuali iniziative già in atto nelle province di Taranto, Brindisi e Lecce.

Nella prossima seduta, è stato annunciato durante l’incontro, la discussione affronterà le problematiche delle province di Bari, BAT e Foggia.

“In momenti come questi di grande crisi economica e incertezza sul futuro – ha aggiunto – gli agricoltori sono più esposti degli altri imprenditori. La vastità del territorio agricolo regionale, il più grande del Paese, restituisce un senso di isolamento.

Oggi, questo è superabile con concreti investimenti sugli impianti di videosorveglianza, sulle infrastrutture, sui controlli informatici e sulla presenza delle forze dell’ordine. Serve da parte delle istituzioni porre al centro della tutela la componente sana del territorio e tutti quei valori identitari che racchiude in sé.

E questi non sono solo le tradizioni, ma sono anche il rilevante impatto economico e lavorativo che l’agricoltura ha sulla nostra regione, la valorizzazione del patrimonio agroalimentare, il sapere e le capacità creative e innovative del mondo rurale”.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Nel centenario della nascita di don Luigi Giussani tra sacro e letteratura

Nel centenario della nascita di don Luigi Giussani tra sacro e letteratura

Una formazione tra la teologia e la letteratura filtrata dalla filosofia di quella confessione come …