venerdì 15 Gennaio, 2021 - 18:00:49

L’Esercito a Bari inaugura un monumento ai militari Caduti in tempo di pace e di guerra nella storica Caserma “D.Picca”.

Ph. Ciro Fusco
BARI. Presso la storica caserma barese intitolata a Domenico Picca, sede del Comando Militare Esercito “Puglia” (CME Puglia), il prossimo 8 Febbraio sarà inaugurato il monumento ai Militari Caduti in tempo di pace e di guerra.

L’opera, frutto dello studio dello scultore Nicola Ruggieri, è la reinterpretazione di un vecchio monumento già presente in caserma, raffigurante un fante ferito che compie un ultimo gesto d’assalto.

L’antico monumento di cui, da oltre 100 anni si era persa traccia, verosimilmente, fu inviato a Rodi negli anni venti per contribuire alla costruzione della nuova città.

L’opera, dono dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci (ANCR), sarà inaugurata dal Generale di Brigata Mauro Prezioso Comandante del CME “Puglia” e dal Presidente dell’ANCR- Federazione Terra di Bari- Cav. Nicola Guglielmi, alla presenza delle più alte autorità locali, dei sindaci delle città limitrofe e di una folta rappresentanza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

L’inaugurazione che cade nell’anniversario della Grande Guerra, vuole commemorare non solo i Caduti dei due conflitti mondiali ma anche i Caduti dell’era contemporanea, tutti quei giovani soldati che oggi come ieri hanno donato la loro vita alla Patria.

L’attività si concluderà con un’esibizione della banda della Brigata “Pinerolo” che intonerà musiche militari e canti tratti dalla tradizione popolare italiana.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Il bene culturale come identità di civiltà nel recentissimo lavoro di Micol e Pierfranco Bruni dedicato a San Lorenzo del Vallo

La storia si racconta con le testimonianze. Si racconta con i beni culturali. Si racconta …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.