lunedì 22 Aprile, 2019 - 18:27:24
Home > La Voce > Locali > Lizzano (Ta) – Coltivava marijuana tra gli uliveti. Denunciato il conduttore del terreno.

Lizzano (Ta) – Coltivava marijuana tra gli uliveti. Denunciato il conduttore del terreno.

Lizzano, marijuana tra gli ulivetiLIZZANO (Ta) – Nella giornata del ieri, durante un servizio antidroga predisposto dalla Compagnia Carabinieri di Manduria, all’esito di una battuta congiunta dei militari delle Stazioni di Torricella e Lizzano, all’interno di un uliveto posto nelle campagne ai confini dei due Comuni, i militari rinvenivano una piantagione di marijuana.
Agli occhi dei Carabinieri si presentavano diverse piante in vegetazione in differenti fasi di crescita, dotata di sofisticato impianto di irrigazione che attingeva da un pozzo artesiano grazie ad una pompa sommersa alimentata da un potente gruppo elettrogeno.
In un casolare attiguo venivano inoltre rinvenuti 230 bulbi per lo sviluppo del seme di canapa indiana e numerosi flaconi di fertilizzanti, nonché un irroratore “a spalla” certamente utilizzato per atomizzare le piante al fine di accelerarne la crescita. Non potevano mancare tre capienti bidoni contenenti 50 litri di gasolio utili ad alimentare il gruppo.
Paziente e certosina è stata l’attività di raccolta delle piante, che alla fine sono risultate essere oltre mille per un peso complessivo di 20 kg.. Inevitabile il sequestro del “raccolto” e di tutta la sofisticata attrezzatura, posta a disposizione del Magistrato di Turno della Procura tarantina.
È trascorso poco più di un mese da quando gli stessi comuni sono stati interessati dall’Operazione “The Old”, che con 32 ordinanze di custodia cautelare ha decapitato i presunti vertici di una pericolosa organizzazione criminale affiliata alla SCU e finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti ed operante appunto tra gli abitati di Lizzano e Torricella.
L’operazione di oggi dimostra come l’Arma non abbassi mai la guardia. Le piante in sequestro, se avessero raggiunto la maturazione, successivamente essiccate e immesse sul mercato, avrebbero potuto fruttare guadagni illeciti per oltre un milione di euro.
Indagini serrate sono tuttora in corso al fine di individuare il “pollice verde” ed assicurarlo alle maglie della giustizia e non si escludono risultati in tempi rapidi.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Incontro seminariale sull’ “olio vero” al Liceo De Sanctis Galilei. Simulazione panel test a cura del presidente CIA Pietro De Padova

Mercoledì 17 aprile, in occasione dell’assemblea d’istituto, presso il laboratorio di scienze della sede De …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.