martedì 12 Novembre, 2019 - 4:07:30
Home > Attualità > Mottola vista dai bambini in “Colori e Pargoli”

Mottola vista dai bambini in “Colori e Pargoli”

Come vedono Mottola i bambini? Questo è stato il tema della terza edizione di “Colori e Pargoli”, l’estemporanea di pittura riservata ai bambini e ai ragazzi che frequentano la scuola primaria e secondaria.

Anche quest’anno la manifestazione è stata organizzata (domenica 1° settembre) dai volontari dell’Associazione “O.D.V. Amici della Sicurezza Terra delle Gravine”, con la compartecipazione della locale Amministrazione comunale, presso la Villa comunale di Mottola, in zona San Pietro.

Tutti i bambini hanno portato da casa solo le matite o i colori. Poi è stato consegnato loro un cartoncino o una tela 50×70 su cui, in due ore e mezza circa, hanno disegnato o dipinto, con la tecnica che prediligono, una composizione artistica.

Mentre nelle prime due edizioni i bambini avevano potuto esprimere liberamente la loro fantasia, in questa terza edizione di “Colori e Pargoli” sul momento è stata comunicata una traccia da sviluppare nelle loro creazioni: “Mottola, come appare ai miei occhi di bambino”.

Doppio l’intendo dell’organizzazione: dare la possibilità ai bambini di comunicare le impressioni sulla città in cui vivono, nonchè i loro “desideri”, e, attraverso la “lettura” dei loro elaborati, fornire inediti spunti di riflessione agli adulti, magari per rendere Mottola una comunità ancora più “a misura di bambino”!

I bambini, infatti, sono artisti istintivi, hanno una mente aperta, libera. La loro è una visione pura, sconfinata, che anticipa e supera le convenzioni, segna nuove e indite piste e tracce da seguire.

Alla terza edizione di “Colori e Pargoli” hanno partecipato anche bambini più piccoli, per lo più fratellini e amichetti, che, pur non frequentando ancora la scuola primaria, sono stati ugualmente coinvolti nella manifestazione.

“Nessuno escluso”: questo, infatti, è da sempre il claim di “Colori e Pargoli”, manifestazione che vuole integrare perfettamente i bambini tra loro, coinvolgendoli in una esperienza giocosa e educativa allo stesso tempo.

Tutti i bambini partecipanti hanno ricevuto un Attestato di partecipazione, una medaglia ricordo, nonché un buono per una pizza, patatine e bevanda, offerto dal Ristorante-Pizzeria “La Boara” di Mottola.

Nell’occasione i due giudici, gli artisti Martino Tamburrano e Tommaso Resta, esaminando gli elaborati dei piccoli artisti, hanno evidenziato la straordinaria capacità dei bambini di coniugare il realismo della traccia con la loro prorompente creatività.

All’iniziativa è anche intervenuta una rappresentanza dell’amministrazione comunale di Mottola: Giuseppe Scriboni, Vicesindaco e Assessore ambiente, agricoltura e Polizia locale, Crispino Lanza, Assessore alla Cultura, Turismo, Innovazione Tecnologica, e il Consigliere Gianfranco Recchia.

Nell’occasione il presidente dell’Associazione “Amici della Sicurezza Terra delle Gravine” di Mottola, Erasmo Stasolla, ha innanzitutto ringraziato per la collaborazione l’Amministrazione comunale di Mottola, il CAV di Martina Franca, il CSV di Taranto, nonché gli sponsor (ristorante/pizzeria “Sala Azzurra” e ristorante/pizzeria “Boara”) e tutti coloro che hanno collaborato alla migliore riuscita dell’evento.

Erasmo Stasolla ha poi spiegato che, con questa manifestazione, da un lato si è voluto offrire un momento di gioia condivisa ai tanti bambini partecipanti, da un altro proporre un “filo conduttore” in grado di dare continuità ad eventuali progetti futuri utili a valorizzare il territorio, magari partendo proprio dalla singolare visione offerta in questa occasione dai bambini.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Il padre capitano e la madre curandera in “Sul davanzale delle parole” di Pierfranco Bruni

In toni tanto filosofici quanto sentimentali, lo scrittore Pierfranco Bruni si racconta in questo “Sul …