martedì 27 Ottobre, 2020 - 16:49:34

Nawrῡz Paisà – Festa di primavera

È proprio il Nawrῡz Paisà – Festa di primavera l’evento che ci emozionerà e ci farà dimenticare questo pungente inverno. È l’evento che vi presenteremo tra qualche giorno nonché l’evento per cui stiamo lavorando sodo. Vogliamo stupirci del vostro stupore.

Nulla è affidato al caso: il nome, il periodo e il programma.

  • PERCHÉ Nawrῡz?

Perché ci è sempre piaciuto guardare al di là del nostro naso, anche accettando sfide impossibili. Il Nawrῡz è una ricorrenza tradizionale che celebra il nuovo anno ed è festeggiata in molte regioni del medio oriente e dell’Asia Centrale e festeggia la rinascita della natura in tutte le sue forme. Durante il Nawrῡz i canti e i balli sono un elemento caratterizzante: I bambini sono i protagonisti principali di tutte queste manifestazioni e spesso si trasformano in artisti chiamati a esprimere la loro creatività colorando le strade e le case. Anche le donne hanno un ruolo fondamentale, sia nell’organizzazione che nel mantenere vive le tradizioni.

Il termine deriva dall’unione di due parole antico-persiane: nava (nuovo) e rezanh (giorno), quindi vuol dire che è sorto un nuovo giorno(capodanno). Giocando con la fantasia e sfruttando la stessa pronuncia possiamo creare un neologismo e parlare di nawROOTS, dove roots, dall’inglese, sta per “radici”.

Il Nawrῡz per noi è tutto questo: un nuovo giorno inteso come buon auspicio, un voler salutare l’inverno, un voler guardare sempre avanti, un voler guardare al mondo con profonda ammirazione, il desiderio di sposare ogni cultura, assimilarla, farla propria e diffonderla.

  • IL PERIODO.

I festeggiamenti del Nawrῡz coincidono con l’equinozio di primavera, tant’è che nel 2010 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha anche deciso di rendergli omaggio con una giornata internazionale dedicata, ovviamente il 21 marzo.

Il mese di marzo, il 25, per l’associazione arci di Maruggio è una data molto importante, è il giorno in cui si festeggia il compleanno (quest’anno l’undicesimo).

  • IL PROGRAMMA.

L’evento prevede una tre giorni ricca di passione e di colori:

– mercoledì 22 marzo si darà lo start all’iniziativa. Presso la sede dell’associazione (Maruggio, via Pisanelli n.4) si assisterà all’inaugurazione dell’evento con alcuni ospiti provenienti dal mondo delle istituzioni e della cultura. Il valore aggiunto della serata è rappresentato dalla presentazione del libro “Cuba – Geografia del desiderio” dello scrittore Roberto Vallepiano. Una scelta fatta col cuore in quanto nel 2017 si commemorano i cinquanta anni della morte di Che Guevara (start ore 18.00)

– sabato 25 marzo è la volta della musica. Diverse band emergenti della zona si esibiranno in sede: La bottega del batteraio, Lawn of strings, Trash Failures, Sorte Aster & Dj Meeser (start ore 21.00)

– domenica 26 marzo è la giornata conclusiva dell’evento e probabilmente la più movimentata. Presso largo Umberto I a Maruggio a partire dalle 10 , alcuni writers dipingeranno su dei pannelli attenendosi ad un tema ben preciso: la primavera nelle sue declinazioni. Sarà premura dell’associazione dare vita alle opere d’arte realizzate in questa giornata perché i dipinti verranno donati ed esposti nelle scuole del posto.

L’intera giornata sarà allietata dai vari dj che animeranno l’iniziativa con diversi generi musicali.

Associazione Arci Paisà

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.