mercoledì 21 Ottobre, 2020 - 4:19:30

Protocollo contro il bullismo: prende le mosse dal “Vittorino da Feltre” il progetto che vede impegnate sinergicamente le istituzioni a sostegno di una cultura della legalità

Questa mattina al Liceo delle Scienze Umane “Vittorino da Feltre” si è svolto il primo incontro previsto dal Protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni comuni per la lotta al bullismo e cyberbullismo e per la promozione della cultura della legalità, siglato nel mese di agosto tra la Questura di Taranto, l’Associazione Nazionale Magistrati – Sezione di Taranto, il Comune di Taranto, la Provincia di Taranto, l’Area Vasta Tarantina, il Dipartimento Jonico dell’Università degli Studi di Bari, l’Ufficio VII – Ambito Territoriale per la Provincia di Taranto.

Le prime classi del Liceo sono state accolte dal Questore dr. Giuseppe Bellassai, dalla Presidente A.N.M. dr.ssa Fulvia Misserini e dalla Dirigente Scolastica prof.ssa Alessandra Larizza.

L’obiettivo è quello di contrastare e prevenire fenomeni di bullismo, cyberbullismo o atteggiamenti che configurino reati, promuovendo, in favore delle giovani generazioni joniche, azioni volte a promuovere la cultura della legalità in genere ponendo l’accento sul rispetto dell’altro, sulla parità tra individui e, più in generale, sul contrasto alle discriminazioni ed alle violenze di genere .

“Un’azione sinergica tra tutte le istituzioni del territorio – sottolinea il Questore – consente di fornire ai giovani le informazioni necessarie per comprendere il disvalore di comportamenti irrispettosi dei loro compagni di percorso e che possono preludere ad atti di bullismo. Il messaggio che sento di dare a questi ragazzi delle prime classi, che si affacciano nel mondo degli adulti con l’ingresso nel ciclo della scuola secondaria, è quello di riflettere, sempre, soprattutto sul valore di chi sta loro accanto: guardarsi attorno e comprendere lo stato d’animo del compagno di classe è il miglior modo per aspirare ad una società scevra dai negativi comportamenti che mutuano dalla forma mentis del bullo. Una società di cui i giovani di questa generazione devono divenire artefici facendosi espressione dei valori legati all’etica della legalità”.

Tra le azioni che saranno poste in essere per l’anno scolastico 2019-2020 vi sarà anche un concorso per la realizzazione di opere artistiche di vario genere, rivolto a tutti gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado della provincia tarantina. La finalità del concorso è quella di agevolare la riflessione e la discussione degli studenti sul tema della legalità, sull’importanza della convivenza civile e sul rispetto reciproco e delle regole della società affinché tutti gli studenti si sentano ancor più attori di una positiva cultura della legalità.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …