martedì 27 Ottobre, 2020 - 16:28:02

Rubati cavi elettrici e pannelli solari al TaTÀ di Taranto

Al centro dei pensieri. Dei ladri di rame alla periferia della città e alla periferia del teatro. Non solo di coronavirus. Il TaTÀ è tornato ad essere in questi giorni obiettivo dei ladri di rame.

I cavi elettrici attinenti ai diversi impianti che servono la sala sono stati portati via, insieme a centinaia di pannelli solari sistemati sulle terrazze degli immobili.

Gli edifici del TaTÀ, al quartiere Tamburi di Taranto, sono l’ultimo fortino e testimonianza di vita, l’ultimo avamposto di un corpo di fabbricati abbandonati al degrado, a riprova dello scempio del bene pubblico lasciato perpetrare dalle Istituzioni tutte della città e dalla Provincia che ne è proprietaria.

Il Crest ha sempre e pubblicamente espresso la scelta di rimanere ad operare in quello spazio e in quel quartiere motivando con una chiara scelta di valori che attengono alla cura della cosa pubblica, in primis ai cittadini di Taranto tutta e di quel quartiere ferito. Fare teatro, farlo per e con i ragazzi e i giovani, fare laboratori e tanto altro e cercare di farlo professionalmente bene non può prescindere dalla conoscenza e dal rispetto per i propri interlocutori. Per questo non siamo andati e non andremo via, ma non può essere solo lasciato a noi l’onere di fare vivere con la cultura un pezzo di quartiere che è parte della città tutta.

Non si può girare la testa dall’altra parte, non si può accogliere sempre e solo ciò che è nuovo e “figo”, è evento.

Il TaTÀ è qui, il Crest e tutti i suoi lavoratori sono qui, alla periferia della città e alla periferia del teatro, e ci sono non perché non meritano il centro – anzi – ma perché hanno tenuto e tengono ad alcuni valori. Non ci si può lasciare soli, proviamo insieme a farci carico delle cose belle ed anche delle cose brutte della città, proviamo a dare continuità e sicurezza all’esistente, alla storia della città. E non parliamo di Magna Grecia.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …