martedì 02 Marzo, 2021 - 21:33:42

Sanità pubblica: ma in che mani siamo?

Riceviamo e pubblichiamo

Sanità pubblica: ma in che mani siamo?
Sulla nostra sanità si scrive e si parla molto. Nulla però è più chiaro ed efficace di un’esperienza personale. Giorni fa sono stato testimone di ciò che accade quando hai bisogno, purtroppo, del nostro Sistema Sanitario Nazionale. A causa di un problema di salute improvviso ed allarmante, mi son recato (prima tappa di un “piccolo calvario”) presso la guardia medica locale, data l’ora tarda e la chiusura del medico curante. Qui, senza neanche visitarmi, mi prescrivono cortisone e mi invitano ad andare al pronto soccorso. Speranzoso di una visita più approfondita, mi reco al nosocomio di Manduria, al Pronto Soccorso. Mi trovo davanti ad una bolgia dantesca: file interminabili, caldo, animi surriscaldati, svenimenti per ritardi nei soccorsi, poche sedie a disposizione, un medico e due infermiere ad accollarsi le urgenze di un bacino di utenza di migliaia di persone, persone entrate alle sei di pomeriggio ed uscite a mezzanotte. Mi armo di pazienza e aspetto il mio turno. Arriva, dopo ore. Una visita fugace, puntura di cortisone e via. Se hai ancora bisogno vai da uno specialista. A questo punto un cittadino qualunque, data anche la pressione fiscale al 42,4%, si aspetta che un servizio costituzionalmente garantito e, comunque alquanto scadente, sia almeno gratuito. Invece no! Ho dovuto pure pagare 55 € a titolo di non so cosa, per il solo fatto di aver usufruito del Pronto Soccorso, un servizio pubblico essenziale. E mi è andata pure bene, dato che il malessere fisico si è poi risolto. Non oso immaginare il calvario di chi, purtroppo, ha problemi più seri ed ha a che fare con la sanità italiana e le sue storture e lentezze. A meno che non vai dai privati e paghi. Tutto questo è inaccettabile. E finché sentiremo frasi del tipo “questa è l’Italia, che ci vuoi fare?” oppure “così vanno le cose, non lo sapevi?”, non cambierà mai nulla. Però, nelle sale d’attesa degli ospedali, almeno non lamentatevi.

Avv. Mirko Giangrande
Presidente di Azione Liberale

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

“Come Dante, Ferlinghetti è stato un outsider, un artista super partes”, scrisse Lucia Cucciarelli La scomparsa di Ferlinghetti nell’anno di Dante

“Come Dante, Ferlinghetti è stato un outsider, un artista super partes”, scrisse Lucia Cucciarelli La scomparsa di Ferlinghetti nell’anno di Dante

  Lawrence Monsanto Ferlinghetti, comparso recentemente, è una linea che diventa interlinea tra ricerca, tradizione …