venerdì 20 Maggio, 2022 - 22:59:16

Scuola di Medicina a Taranto: ASL firma l’acquisizione dell’ex Banca d’Italia

Scuola di Medicina a Taranto: ASL firma l’acquisizione dell’ex Banca d’Italia

Il Direttore Generale Stefano Rossi ha firmato l’atto di compravendita della ex Banca d’Italia, già sede della Facoltà di Medicina. Asl, grazie ai fondi CIPE, dà vita alla “Banca dei Saperi”, uno spazio dove gli studenti di Medicina potranno seguire le lezioni e i laboratori.

È stato firmato oggi l’atto di compravendita dell’ex Banca d’Italia, sede della Facoltà di Medicina di Taranto: il Direttore Generale Stefano Rossi, alla presenza del direttore amministrativo Andrea Chiari e del direttore sanitario Gregorio Colacicco, ha siglato per conto della Asl tarantina l’accordo con la Banca d’Italia, rappresentata dal vicedirettore della sede di Bari Filiberto Morelli, per l’acquisto dell’intero stabile per la somma concordata di quattro milioni e mezzo di euro. Si tratta dell’ulteriore passo in avanti di un percorso iniziato negli ultimi anni, con la ferma volontà di dotare Taranto degli spazi per la formazione di giovani medici, arricchendo così l’offerta formativa dell’Università di Bari nel capoluogo ionico.

Lo stabile in Piazza Ebalia, non più operativo come istituto di credito a seguito della riorganizzazione delle sedi della Banca d’Italia, è stato individuato come sede più idonea della scuola di medicina e chirurgia di Taranto e oggetto quindi di trattative e accordi. Il tavolo istituzionale del CIS dell’area di Taranto e la collaborazione tra le istituzioni a diversi livelli ha portato allo stanziamento, da parte della Regione Puglia nell’ambito del Patto per lo Sviluppo, di oltre sette milioni di euro per l’acquisto della struttura e la ristrutturazione da parte della Asl Taranto e la definitiva trasformazione in Banca dei Saperi.

La struttura, composta da un piano seminterrato, piano terra rialzato e poi primo e secondo piano, è oggetto di interesse storico e artistico e ogni operazione di valorizzazione, recupero e restauro da parte dell’Azienda Sanitaria tarantina viene concordata e autorizzata dalla Sovrintendenza dei beni culturali. Il piano terra ospita lezioni e altre attività didattiche già dall’ottobre 2020 quando, nelle more dell’accordo di compravendita, l’interno fu riammodernato per ospitare i primi studenti. Successivamente le stesse aule, durante il lockdown, con le lezioni in presenza sospese e l’inizio della campagna vaccinale, hanno ospitato un hub dedicato alle persone più anziane.

“Sono fiero che uno dei miei ultimi atti come direttore generale della Asl Taranto sia la firma di questo importante accordo – ha affermato Stefano Rossi, direttore generale uscente – Dotare Taranto di un proprio corso di laurea in Medicina e chirurgia era visto come lontanissimo qualche anno fa, ma ci siamo arrivati grazie al buon lavoro di tutti, in primis della Regione Puglia. Voglio ringraziare il direttore amministrativo Andrea Chiari, che mi ha accompagnato in questi anni da direttore generale e, con preparazione e impegno, ha supportato l’azienda nelle sue attività, in ultimo questa acquisizione, per sua natura, molto complessa che ha richiesto un surplus di attenzione e capacità. L’acquisizione di questo splendido palazzo affacciato sul mare, che diverrà la “Banca dei saperi”, e la costruzione del nuovo ospedale ci confermano come lo sviluppo di questa città continuerà attraverso l’arricchimento dell’offerta formativa, che la renderà maggiormente attrattiva, e anche grazie al capitale umano di medici e infermieri che sarà in grado di formare.”

Considerato l’interesse culturale della struttura, l’acquisizione della ex Banca d’Italia da parte di Asl Taranto sarà finalizzata entro il mese di maggio, dopo i sessanta giorni dovuti per legge per la rinuncia del diritto di prelazione sull’acquisto da parte del Ministero per i Beni e le attività culturali. Si tratta solo di una formalità, poiché il percorso è ormai segnato e le verifiche per l’avvio dei lavori anche sui piani superiori della struttura confermano la trasformazione del palazzo che ha custodito ricchezza e denaro in uno spazio dedicato alla conoscenza e alla diffusione del sapere.

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Porto Rubino 2022, gran finale alla vecchia Tonnara di Torre Ovo

Porto Rubino 2022, gran finale alla vecchia Tonnara di Torre Ovo

Grande festa finale di Campomarino di Maruggio – Tonnara Dal 10 luglio parte ufficialmente Porto …