martedì 28 Settembre, 2021 - 10:24:09

Sequestrato l’impianto di depurazione di Trani,indagate otto persone

SAM_0574Trani – Nella mattina odierna, in esecuzione di decreto emesso dall’Ufficio del Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Trani, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dottor Antonio SAVASTA, personale militare del Nucleo di polizia giudiziaria della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Bari, unitamente a militari del Comando Gruppo Guardia di finanza di Barletta, ha sottoposto a sequestro preventivo l’impianto di depurazione della città di Trani e la relativa condotta di scarico a mare.

Il provvedimento autorizza la facoltà d’uso dell’impianto, esclusivamente ai fini dell’immediata attuazione delle opere di adeguamento ed all’immediato abbattimento dei valori chimici delle sue acque di scarico, riscontrati non conformi ai limiti non superabili previsti dal decreto legislativo 152 del 2006.

Complessivamente, risultano indagate otto persone. Tra di esse, due legali rappresentanti dell’Acquedotto pugliese S.p.A. (soggetto gestore dell’impianto), l’amministratore unico della Pura depurazione S.r.l. (società esecutrice della conduzione, manutenzione, controllo e custodia del depuratore), il presidente della Commissione di collaudo,  un dirigente della Regione Puglia, il Presidente e due funzionari dell’Autorità idrica pugliese.

I reati contestati attengono a: 1) gravi illeciti ambientali  quali il danneggiamento aggravato delle acque pubbliche, il  getto  pericoloso di cose, il deturpamento di bellezze naturali, il superamento dei valori tabellari nello scarico in acque superficiali, il deposito e trattamento – in assenza di autorizzazione –  dei fanghi prodotti dall’impianto di depurazione, l’emissione in atmosfera – in assenza di autorizzazione – di gas prodotti dall’impianto di depurazione; 2)  reati contro la pubblica amministrazione, quali l’omissione di atti d’ufficio, l’interruzione di un servizio di pubblica necessità, la frode e l’inadempimento di contratti nelle pubbliche forniture; c) violazioni delle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro).

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Trani (Dott. Antonio Savasta), sono state svolte da militari specializzati del Nucleo di polizia giudiziaria della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Bari e si sono avvalse delle risultanze tecniche emerse dal lavoro svolto dai consulenti  nominati dalla stessa procura tranese.

 

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

CONTO ALLA ROVESCIA PER IMMAGINA 2021, IL GRANDE EVENTO DI 50&PIÙ IN PROGRAMMA DAL 12 AL 21 CASTELLANETA MARINA (TA)

Nove giorni di competizioni sportive e canore e di laboratori formativi informatici dedicati agli over …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.