lunedì 19 Agosto, 2019 - 6:39:07
Home > Cronaca > Sorpresi a rubare materiale ferroso vicino ai binari della linea Brindisi-Taranto, tre arresti tra cui un manduriano

Sorpresi a rubare materiale ferroso vicino ai binari della linea Brindisi-Taranto, tre arresti tra cui un manduriano

I Carabinieri della Stazione di Oria al termine degli accertamenti, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato in concorso tre persone 2 maggiorenni e un 17enne. Si tratta di MARSELLA Stefano 40enne originario di Manduria, MINGOLLA Paola 44enne di Oria e un 17enne del luogo.

I tre sono stati sorpresi da una pattuglia della locale Stazione in servizio di perlustrazione nella giurisdizione in contrada San Lorenzo, dove hanno notato i tre nel mentre stavano asportando e in parte già caricato nella vettura, materiale ferroso depositato nelle adiacenze dei binari della linea ferroviaria che collega Brindisi a Taranto. Sia l’uomo che il minorenne si sono accorti della presenza della pattuglia dei Carabinieri che saliti velocemente su una Fiat Punto sono partiti a velocità sostenuta, mentre la donna che non era riuscita a scavalcare un muretto era rimasta sul posto.

Dopo circa 800 metri l’autovettura dei fuggiaschi è stata raggiunta dai militari che hanno appurato che nel vano portabagagli erano presenti una “cassa di manovra manuale in ferro per deviatoio completa di contrappeso e due sbarre per fissaggio”. Dagli accertamenti è emerso che il manufatto del peso di 130/140 Kg, era stato smontato e collocato a fianco dei binari della linea ferroviaria dagli operai del “Gruppo Ferrovie dello Stato”, per essere rigenerato e successivamente riutilizzato. Dall’ispezione dell’area si è constatato che gli indagati avevano raccattato e accantonato, già smontate dagli operai, “10 caviglie in ferro” per il fissaggio dei binari alle traverse nonché due coperchi in acciaio copri tombini, il tutto per un valore complessivo di circa 2.000€.

Il materiale asportato è stato restituito al capo dell’unità manutentiva. Gli arrestati maggiorenni, dopo le formalità rito, sono stati rimessi in libertà come disposto dall’Autorità Giudiziaria, mentre il minore 17enne è stato condotto presso il Centro di Prima Accoglienza di Monteroni di Lecce (LE), come disposto dall’Autorità Giudiziaria per i Minorenni.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Caporalato, CIA Due Mari: “Ecco come innescare un circolo virtuoso”

Articolato documento consegnato dall’organizzazione nell’incontro in Prefettura  “No allo sfruttamento e all’ipocrisia: le aziende siano …