sabato 05 Dicembre, 2020 - 3:00:16

Tentano di estorcere denaro ad un pensionato per restituirgli l’autovettura che gli era stata rapinata. Arrestati due fratelli  gemelli  di Manduria

MANDURIA – I militari del N.O.R. della Compagnia Carabinieri di Manduria hanno tratto in arresto in flagranza di reato di concorso in tentata estorsione i fratelli Rossi Giorgio e Marco, entrambi 40enni, con precedenti penali, originari di Manduria.

Le indagini hanno avuto inizio nella serata di martedì scorso quando un anziano pensionato di Manduria, mentre si trovava nella sua abitazione a San Pietro in Bevagna, frazione di Manduria (TA), era rimasto vittima di una rapina ad opera di tre ignoti individui che, col volto coperto, dopo averlo minacciato, lo costringevano a consegnare loro cento euro in contanti e l’auto. I malfattori, prima di allontanarsi, facevano intendere alla vittima che per riavere indietro l’auto avrebbe dovuto consegnare loro del denaro e, pertanto, gli avevano dato appuntamento la mattinata successiva in una piazza del centro messapico.

I militari approntavano un articolato servizio di P.G., capillarmente diffuso nelle aree limitrofe al luogo dove si sarebbe dovuto verificare l’ultimo atto del classico “cavallo di ritorno”. Per tali ragioni si decideva di monitorare anche i movimenti dell’anziano, al fine di reprimere la probabile azione estorsiva oltre che per tutelare la vittima. I sospetti si facevano più concreti quando i carabinieri, nelle prime ore della mattinata de di ieri  09 febbraio, vedevano transitare ROSSI GIORGIO, noto pregiudicato del posto già gravato dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S., che, con fare guardingo, avvicinava l’anziano signore e si intratteneva a conversare per pochi istanti, prima di allontanarsi dalla piazza. A quel punto si decideva di procrastinare l’azione di discreta sorveglianza dei movimenti della vittima. I sospetti dei militari si rivelavano presto fondati: difatti alle successive ore intorno alle quattro del pomeriggio una pattuglia in abiti borghesi dell’Aliquota Operativa di Manduria notava ROSSI GIORGIO percorrere a piedi una strada della frazione balneare di San Pietro in Bevagna. Il predetto, alla vista dei militari, cambiava repentinamente direzione di marcia e subito estraeva un telefono cellulare col quale effettuava una chiamata.

Pochi minuti dopo i militari intercettavano, nella medesima località balneare, l’autovettura oggetto di rapina condotta dal pregiudicato ROSSI MARCO, fratello gemello dell’anzidetto ROSSI GIORGIO, con a bordo l’anziano pensionato vittima di rapina. L’uomo, alla vista dei militari, scoppiava in un pianto liberatorio, evidentemente scosso dalla gravità degli eventi che aveva dovuto subire in quelle ore. In ogni modo, bloccata l’auto, di lì a poco sopraggiungeva anche ROSSI GIORGIO, prontamente identificato e accompagnato negli uffici della Compagnia Carabinieri di Manduria assieme al fratello. I militari riuscivano a ricostruire gli accadimenti che avevano coinvolto l’anziano pensionato e che lo avevano visto vittima di un tentativo di estorsione finalizzata a sottrargli denaro per riavere l’autovettura che gli era stata rapinata la sera precedente.

Si era appurato, infatti, che alle ore 15.00 era stato contattato telefonicamente da ROSSI GIORGIO il quale gli intimava di recarsi presso l’abitazione di ROSSI MARCO per riavere l’autovettura. La vittima, convintasi del fatto che un eventuale diniego da parte sua avrebbe fatto sfumare la possibilità di rientrare in possesso del suo bene ed intimorito per eventuali ritorsioni che i due soggetti potevano mettere in atto, decideva di raggiungere l’abitazione di ROSSI MARCO. Quest’ultimo prima lo accoglieva in casa e poi gli inveiva contro con tono minaccioso per evitare che si rivolgesse ai carabinieri. Allo stesso tempo dettava le condizioni per riavere indietro la sua macchina: trecento euro in contanti. L’anziano, spaventato ed impaurito, decideva di sottostare alla richiesta accordandosi per consegnarli dapprima cento euro, altrettanti il giorno dopo e un’ultima “rata” la settimana successiva. A quel punto ROSSI MARCO conduceva la vittima al luogo di occultamento dell’autovettura e, messosi alla guida, assieme all’anziano si dirigeva verso la frazione di San Pietro in Bevagna dove li attendeva ROSSI GIORGIO che li aspettava per la consegna del denaro. È proprio in quel frangente che, provvidenziale giungeva la pattuglia dei Carabinieri che interrompevano l’azione criminosa in flagranza.

Alla luce degli esiti investigativi e delle risultanze probatorie raccolte i due fratelli, dichiarati in arresto, venivano associati presso la casa circondariale di Taranto su disposizione della A.G..

Indagini tuttora in corso per risalire agli autori della rapina del giorno precedente.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.