giovedì 29 Ottobre, 2020 - 12:06:56

XXIX edizione de “La Giostra dei Rioni” ad Avetrana: la storia e le tradizioni s’intrecciano tra cortei e giochi.

Anche quest’anno siamo giunti ad una nuova edizione de “La giostra dei Rioni” ad Avetrana, evento molto sentito dagli avetranesi in quanto ripercorre la storia e le tradizioni del paese del 1500. Dagli abiti d’epoca ai riti e i giochi sfilano e si avvicendano sulla piazza Vittorio Veneto i 4 rioni in cui e’ suddiviso il paese (rioni San Martino, Castello, San Francesco e Saraceno) , attirando l’attenzione dei turisti che in estate popolano la piccola cittadina, suscitando curiosità e stupore.

Al corteo storico prendono parte i cavalieri, dame ma anche sbandieratori e dei tamburellisti che accompagnano a ritmo di tamburo il lancio delle bandiere.

L’evento rievoca il tripudio dei cittadini di Avetrana per lo scampato pericolo della mancata incursione in Avetrana da parte delle milizie turche . Alcuni storici, raccontano che nel gennaio del 1547 un avetranese chiamato Chria tradito dalla fidanzata si era convertito alla religione musulmana e quindi arruolato tra i pirati turchi. Con cinque galee sbarcò presso Torre Colimena per assalire e saccheggiare il paese natio. Ma giunto nelle vicinanze del borgo commosso dalle note di una serenata a lui nota diresse la sua incursione verso S.Pancrazio che assalì e distrusse.

Ph Antonio Amilcare Coccioli

La Giostra dei Rioni nasce nel 1985 quale manifestazione estiva che con l’impeccabile regia del Comitato Giostra dei Rioni organizza e cura l’evento con scene di grande gioia e giubilo tra musica e danze.
Nasce l’idea dei 4 rioni (Castello, San Martino, San Francesco e Saraceno) che si fronteggiano in giochi di piazza per vedersi assegnare il palio.

L’evento si apre il 2 agosto con la benedizione del palio e l’apertura dei giochi.

Il 3 ed il 4 agosto proseguono i giochi e le sfide dei rioni, per culminare il 6 agosto con la rievocazione del corteo e del solenne banchetto offerto dal Principe Galeotto Pagano, signore di Avetrana tra il XV e il XVI secolo oltre al clero e all’Arcivescovo di Brindisi. Al corteo partecipera’ l’attore Danilo Brucia nei panni di Mario Pagano, signore di Avetrana.

L’evento si conclude nella consegna del palio, l’esibizione degli sbandieratori e dei musici e la degustazione di prodotti tipici del territorio.

Salvatore Cosma

Commenta con Facebook

Notizie su Salvatore Cosma

Salvatore Cosma
Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Lecce, originario di Avetrana, paese in cui sin da piccolo ha maturato la passione per la musica, in particolare lo studio del pianoforte, strumento che ha studiato diversi anni, parallelamente ha coltivato la passione per la lettura e la scrittura. Attualmente vive e lavora a Reggio Emilia conservando un forte legame con Avetrana, dove torna ogni volta che gli impegni di lavoro glielo consentono. Lavora in ambito sindacale. Si occupa principalmente della rappresentanza politica e sindacale/vertenziale dei lavoratori del settore edile nella provincia di Reggio Emilia. Appassionato di storia, cultura e tradizioni salentine.

Leggi anche

Furti di energia elettrica e gas nel mirino della Polizia di Stato. A Manduria 35 appartamenti con allacci abusivi

Scoperti nel capoluogo ed in provincia , numerosi allacci abusivi sulle forniture domestiche. Denunce per …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.