giovedì 04 Marzo, 2021 - 19:20:59

1958 nasce la “Rotonda di Campomarino”, la storia

1958 nasce la "Rotonda di Campomarino", la storiaCampomarino, giugno 1958. Sono iniziati i lavori di sopraelevazione della mitica “rotonda” di Campomarino, un tempo destinata all’arte e ai primi amori adolescenziali. Il “cantiere scuola di lavoro per la sistemazione della Piazza Impero” (oggi denominata Piazza Italia) è stato aperto da pochi giorni. Il sindaco di Maruggio ha assunto alcuni manovali stagionali del paese, tra cui quelli che vedete nella foto (da sinistra, in piedi): Egidio Valentini, Peppino Galiano, Nino Micelli e Giuseppe Latorre; seduti (da destra): Antonio Rizzo, Cosimo lntranova, Giovanni Pisconti e (in prima fila) Cosimo Palummieri.

E’ un’estate torrida. Fa molto caldo. Si lavora a dorso nudo con i soliti strumenti: zappetta, zappa, zappone, pala e molte molte “còffe” (recipienti usati dai muratori per il contenimento e il trasporto delle pietre). C’è un considerevole traffico di traini tirati da muli e cavalli. I carrettieri arrivano da Maruggio carichi di pietre, ribaltano il pietrame sulla “rotonda” e ritornano in paese per caricare nuovamente. Nella deliberazione della giunta comunale è scritto che «bisogna alzare la rotonda per avere una visuale sul mare», vale a dire “riempire” di pietre la piccola piazza fino a raggiungere almeno un metro e mezzo di altezza dal mare. E così i nostri giovani, sotto l’occhialuta direzione dei lavori del buon Nino Micelli, si “fanno l’estate del ‘58″. Sono i loro anni Cinquanta, che resteranno impressi nella nostra memoria.

Mentre scrivo penso ai lavori di svuotamento della “rotonda” eseguiti qualche anno fa con lo scopo di realizzare una idrovia (un “canale navigabile” equiparabile un’arteria stradale.) che avrebbe dovuto collegare via mare i comuni di Leporano, Pulsano, Lizzano, Torricella e Maruggio (costo preventivato 2 milioni di euro). Un’opera mai compiuta! Il tutto è stato poi “aggiustato” con la messa a punto di una sopraelevazione in cemento armato denominata la “prua del Titanic”.

Tonino Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Tonino Filomena

Tonino Filomena
Tonino Filomena, scrittore e storico documentarista. Attratto dallo studio della Storia e dalle vicende umane ad essa collegate, in particolare del Novecento, dopo essere stato allievo di Tommaso Pedio e Indro Montanelli, conseguendo giovanissimo la laurea in Scienze Politiche, ha iniziato a occuparsi di storia patria documentando e illustrando la vita della sua città natale (Maruggio). È membro della Società di Storia Patria per la Puglia, presidente regionale del Sindacato Libero Scrittori Italiani, Testimonial Albo d’Oro del Comitato Scientifico No Lombroso di Torino; già Socio ordinario dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e Segretario Nazionale dell'Istituto Nazionale Minoranze Etnico-Linguistiche in Italia presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ autore di numerosi saggi, tra cui: Maruggesi nel primo Novecento. Il relitto della Madonnina. Guida a Maruggio, dentro e oltre la storia. Attacco a Maruggio. Paese nostro povero ma bello. Gli occhi della memoria. Nel ventre della Balena Bianca. Così parlò Bilbo. Il soldato contadino e l'ultima sua opera L'infanzia perduta, edita da La Voce di Maruggio.

Leggi anche

“Come Dante, Ferlinghetti è stato un outsider, un artista super partes”, scrisse Lucia Cucciarelli La scomparsa di Ferlinghetti nell’anno di Dante

“Come Dante, Ferlinghetti è stato un outsider, un artista super partes”, scrisse Lucia Cucciarelli La scomparsa di Ferlinghetti nell’anno di Dante

  Lawrence Monsanto Ferlinghetti, comparso recentemente, è una linea che diventa interlinea tra ricerca, tradizione …