sabato 05 Dicembre, 2020 - 3:49:45

8 marzo 2016 Festa della donna

8 marrzo lavoce di maruggio 2

 

 

Una donna deve essere festeggiata ogni giorno dell’anno! Lo so, questa frase è diventata un luogo comune, che viene ripetuto troppo spesso, ma che in realtà non viene messo in atto.

Le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne (tra cui il diritto di voto) rendono a questa giornata quel che merita, attribuendole il giusto valore.

Celebrare questa giornata vorrebbe poter dire: innalzare oggi ancor più che negli altri giorni la figura femminile a quel valore che merita d’avere, non di certo attraverso tutte quelle stupide feste con spogliarellisti di ogni genere (a cui comunque ognuna di noi è andata almeno una volta nella vita! ), ma attraverso qualcosa di semplice che possa farla stare in pace con se stessa e possa ricordarle il suo reale peso nel mondo, gratificandola…

Cos’ è una donna?
Scrittori e poeti di tutti i tempi hanno scritto opere stupende su questa creatura.

32177_142481489250463_309232946_n

«Quando si scrive delle donne bisogna intingere la penna nell’arcobaleno e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle.» (Denis Diderot)

La donna è difficile da descrivere, ma se chiudo gli occhi la immagino come una sorgente d’acqua pura e limpida, una rosa rossa bagnata di rugiada che si sveglia all’alba di un mattino primaverile, un velo bianco steso in una campagna e che ondeggia col vento, un caleidoscopio di colori, il volo leggero di una farfalla.
Una donna ha mille sfaccettature, nel suo modo di essere, di apparire e di pensare. Non troverai mai una donna uguale ad un’ altra, sono tutte cosi simili, ma incredibilmente diverse.

Donna è dedizione, amore, coraggio, famiglia, forza e un’altra infinità di termini a cui tale creatura si lega.

«Siamo così, dolcemente complicate, sempre più emozionate, delicate…» ( Fiorella Mannoia)

Un mondo senza donne sarebbe quasi nero e la mia non è una visione di parte poiché non sono schierata contro il maschilismo. Uomini e donne dovrebbero avere parità in tutto ormai, anche se ciò sappiamo bene non succede affatto in alcuni Paesi del Mondo dove la donna è considerata al pari di un oggetto, una merce di scambio, umiliata e sfruttata.

Il femminicidio, purtroppo, altra piaga in crescente aumento riguardante l’universo femminile. Milioni di donne uccise da compagni gelosi e malati non trovano giustizia da nessuna parte. Vittime di una violenza non spiegabile in alcun modo, esse vivono con la paura ogni giorno e se non trovano il coraggio di reagire o lo trovano tardi, è la morte ad opera dei loro carnefici ad avere la meglio su di loro.

Le tante scarpette rosse sono diventate il simbolo di questa battaglia. Un simbolo minimal, sexy e prettamente appartenente al microcosmo femminile.
La donna deve essere una guerriera perché la vita spesso è dura, mette davanti a prove assai difficili, bisogna raccogliere le forze e sconfiggere il nemico chiunque o qualunque esso sia.

E la forza delle donne è uno spettacolo unico, un uragano travolgente, sia se sono forti da sole, sia se sono unite tra loro, scacciando l’invidia o la stupida rivalità che si può creare.

Ciò che di una donna resta più straordinario da ammirare in tutto il tempo è un particolare che ne sottolinea la sua unicità.

Gli occhi sono il suo vero specchio dell’anima, se li guardi bene ci puoi leggere una giornata no, un momento di gioia o la storia della vita della protagonista. Sono cosi profondi, veri ed unici e senza che la sua bocca parli, ci sono loro a dire più di mille parole tutte assieme.
Puoi restarci meravigliato ad osservarli, ma non tutti saranno in grado di leggerli.
La chiave di interpretazione è alquanto difficile. E non è sempre facile specchiarsi nelle emozioni. A volte burrascose come il mare in tempesta che ci fanno trasalire l’anima, a volte cosi pacate come quando lo stesso mare è immobile, quasi fosse fermo.
Emozioni che il loro cuore custodisce segretamente e di cui sceglie con cura e attenzione chi potrà esserne partecipe.

nonnalamieraragazza

Donna bambina, ragazza, madre, nonna… tante fasi attraversi nella tua vita, con orgoglio e a testa alta. E il fiore-simbolo della mimosa che oggi ci viene regalato è giallo come il sole, la luce che accompagna le tue giornate più belle, luminose e gioiose e che è quella stessa luce che c’è nella tua anima e la rende splendida in quelle giornate dove tutto sembra andare nel verso sbagliato.
Ma tu chiudi gli occhi e ripeti a te stessa che devi farcela. Perché una donna si rialza sempre anche se si trova su percorsi ripidi e pieni di ostacoli, ce la fa sempre ed è più bella che mai, quando può dire di essere fiera di se stessa …

271587__i-love-barefoot-in-the-rain_p

Ballate sotto la pioggia a piedi nudi, amate, e osate..

Siate tutte delle principesse con scarpette di cristallo e abbiate sempre sogni con voi da inseguire, sogni leggeri come piume e che vi facciano sentire vive.

Fate dei vostri pregi i vostri più grandi punti di forza e dei vostri difetti la vostra particolarità..
Ognuna di noi è appunto unica al mondo! Siamo un po’ come le principesse delle favole!
E poi con l’arrivo della primavera e dei suoi colori e profumi meravigliosi,
le sue nuvole rosa, schiudetevi come i suoi fiori. L’inverno col suo freddo che taglia il viso se ne sta andando via, non permettete a nessuno di ferirvi dentro nel cuore, ma sorridete al nemico e sorridete a voi stesse per tutte le piccole,grandi cose che vi circondano!

E’ questo il mio augurio, Per Voi e per Me! AUGURI DONNE!!!

Valentina Saracino

Donna testo di Enzo Gragnianiello e l’interpretazione di Mia Martini 

Commenta con Facebook

Notizie su Valentina Saracino

Valentina Saracino
Valentina Saracino, classe 1986 vive nel piccolo paesino di Maruggio in provincia di Taranto. Ama il suo paese per il mare, per il calore della gente, la natura e perché non si possono non amare le proprie radici. Prossima alla laurea in lingue con qualche progetto per il futuro. Persona solare, estroversa quanto basta e molto sensibile Ama il mare, la fotografia, la musica e soprattutto scrivere. Non riesce a stare ferma, deve avere sempre qualcosa da fare. Collabora con La Voce di Maruggio dall' 08 marzo 2016 curando la rubrica "Emozioni".

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.