venerdì 23 Ottobre, 2020 - 8:23:35

A Taranto un progetto per gli istituti dei quartieri Città Vecchia e Tamburi

Taranto-citta-vecchia-borgo-anticoTaranto, 8 giugno 2015 – Taranto è una serie di stereotipi abusati su cui pochi paiono disposti a fare autocritica. Ma Taranto è anche futuro, per sé e per il Paese; è prendere coscienza che ci sono tante persone disposte a darvi forma mettendo assieme due risorse quali i giovani e il mare. Con grande competenza, in un clima equilibrato, con il contributo di chi ha sviluppato competenze diverse e le mette a disposizione della grande comunità tarantina.

Di questo e altro si è parlato nel convegno Scuola e territorio: dai localismi all’Europa. Una politica di intesa nella lotta alle dispersioni sociali organizzato dall’Istituto comprensivo Galileo Galilei di Taranto, con il patrocinio del Comune, del Municipio 5 Valpolcevera (Genova) e della Regione Puglia con il sostegno di Conad.

Il convegno chiude la fase dedicata alla ricerca di laboratorio e all’approfondimento di Progetto Mare: alimentazione e vita, che ha l’obiettivo di contrastare la dispersione scolastica soprattutto nei contesti cittadini che vivono una forte precaria realtà socio economica e alti tassi di disoccupazione. In questa fase, 80ragazzi di età compresa tra 10 e 14 anni, provenienti dagli istituti dei quartieri Città Vecchia e Tamburi, hanno incontrato esperti in maricoltura e biologia del mare sperimentando un modo nuovo di fare scuole, grazie alle lezioni tenute in mare aperto.

“L’impegno di Conad a sostegno della scuola è costante; non tanto in riferimento ai contenuti didattici, sui quali non abbiamo alcuna competenza per intervenire, bensì in riferimento a quel rapporto pubblico-privato che si sta rivelando la scelta migliore per superare le inefficienze e le lacune strutturali di uno Stato che ha smesso di investire nella scuola e nella formazione”, fa notare il direttore customer marketing e comunicazione Conad Giuseppe Zuliani. “Sosteniamo la scuola con una serie di iniziative che spaziano da Insieme per la scuola, finalizzata a donare materiali didattici, attrezzature informatiche e multimediali e altri articoli per lo svolgimento delle attività scolastiche per un importo che in tre anni ha superato i 10 milioni di euro, a Resto al Sud, un progetto di Resto al Sud Academy nato per ricercare talenti digitali da sostenere e indirizzare a nuove professioni sottraendoli allo stereotipo che il Sud è sinonimo di rassegnazione, di rinuncia. E’ il nostro modo di rafforzare il legame con il territorio, restituendo alle comunità ciò che ci viene dato in fiducia, reputazione e ricchezza economica. Progetti importanti anche per generare e affermare a valle una logica di filiera”.

Il Progetto Mare: alimentazione e vita nasce come percorso formativo per contrastare l’abbandono scolastico – nel 2014 nella città di Taranto si è attestato al 12 per cento, ma le situazioni critiche per bocciature, ritiri formalizzati e frequenze saltuarie delle lezioni portano tale percentuale al 25 per cento – e formare i ragazzi per la loro crescita in previsione di un inserimento attivo nella società e nel mondo del lavoro. Rivolgendo attenzione alla zona più problematica di Taranto, quel quartiere Tamburi che confina con l’area dell’Ilva e vive di un alto tasso di disoccupazione associato a degrado urbano e famiglie in situazione di disagio, con Progetto Mare si intende favorire lo sviluppo di professionalità che possano “leggere” il territorio dando vita a nuova imprenditorialità ma anche individuare e valorizzare le ricchezze presenti nel territorio in vista di uno sviluppo agroalimentare realmente sostenibile.

Con Progetto Mare: alimentazione vita si è dato vita ad una rete di relazioni interne alla città di Taranto, ma, soprattutto, è stato il punto di partenza per costruire rapporti con altre realtà locali. A tal fine è stata stretta una collaborazione con un analogo progetto che interessa alcuni istituti di Genova. Una sperimentazione, al momento, ma che in futuro sarà generalizzata a diversi ambiti territoriali della provincia.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.