giovedì 13 Giugno, 2024 - 13:52:04

Alberto Bevilacqua, Fabrizio De André e Pierfranco Bruni. Un filo letterario e di amicizia a 10 anni dalla scomparsa di Bevilacqua

Tra un anniversario e un consolidato rapporto di amicizia la letteratura si fa testimonianza tra documenti e ricordi. Il tramite di tutto resta Fabrizio de André. L’anniversario è il decennale della scomparsa di Alberto Bevilacqua, che ebbi modo di conoscere a Roma intorno al 2008/2009. Il rapporto di amicizia è tra Bevilacqua e Pierfranco Bruni che ha dedicato libri sia allo stesso Bevilacqua che a De André. Fu proprio Bevilacqua a insistere di approfondire De André dal punto di vista delle matrice letterarie.

Alberto Bevilacqua, nello scritto su De André, ha affermato che Pierfranco Bruni è “Un saggista e un poeta che è una garanzia, fra i più lucidi e attenti nello studio delle correlazioni fra i ‘personaggi creativi’ del secolo” Nel libro dedicato ad Alberto Bevilacqua di Pierfranco Bruni, pubblicato dieci anni fa, c’è un capitolo in cui Bevilacqua scrive del lavoro dello stesso Bruni su Fabrizio De André.

Si tratta di una documentazione importante e testimonia soprattutto la competenza musicale di Alberto Bevilacqua nel confrontarsi con autori come il poeta de “La canzone dell’amore perduto”. Pierfranco Bruni, che a Fabrizio De Andrè si è rivolto in più occasioni con libri, saggi (editi anche da Rizzoli), conferenze, incontri che hanno posto all’attenzione il legame tra poesia e musica, risulta, per Bevilacqua, uno dei maggiori conoscitori dell’opera letteraria e musicale del poeta e cantautore genovese filtrando i grandi processi letterari.

Il libro di Pierfranco Bruni che omaggia Bevilacqua è stato pubblicato dall’editore Pellegrini dal titolo: “Spegnersi per non consumarsi. Io e Alberto Bevilacqua” risulta ancora oggi molto attuale per celebrare il decennale della scomparsa dell’autore de “La califfa” e pone all’attenzione sia l’aspetto letterario che il legame di profondo affetto tra i due scrittori. Bruni nel 2000 aveva pubblicato la prima edizione del “Fabrizio De André. Il cantico del sognatore mediterraneo”, che ha visto, successivamente, ben quattro nuove versioni arricchito da foto concesse dalla Fondazione De André e da Dori Ghezzi.

Nel sottolineare le articolazioni letterarie di Bevilacqua, Bruni ripropone la chiave di lettura di un rapporto tra lo scrittore Bevilacqua, il cantautore genovese e l’afflato lirico dello stesso Bruni rivolto al mondo mediterraneo dell’autore di “Anime salve”.
Infatti Bevilacqua, riferendosi a Pierfranco Bruni, della edizione deandreana del 2002, ebbe a dire che Bruni è “un saggista e un poeta che è una garanzia, fra i più lucidi e attenti nello studio delle correlazioni fra i ‘personaggi creativi’ del secolo, senza condizionamenti di scuole o di parti. Lo definirei: ‘Un mistico del talento, dovunque esista’.” E ancora, Bevilacqua analizzando il testo di Bruni sottolinea: “Ci troviamo di fronte a una vera e propria narrazione in cui la letteratura (quante citazioni, appropriate, naturali, dai poeti di ogni tempo, non per sfoggio di cultura, bensì per trasmettere emozioni) si intreccia con la vita”. Aggiunge sempre Bevilacqua: “Queste pagine che mi hanno toccato non definiscono solo il cantautore, ma un personaggio che ha caratterizzato il ‘pensare’ di alcune generazioni”.

Pierfranco Bruni intanto articola il suo lavoro su Alberto Bevilacqua attraversando le sue opere, ma soprattutto i suoi incontri. Si tratta del primo libro su Bevilacqua, scritto immediatamente dopo la morte di Alberto, che presenta un’eleganza di linguaggio e una originale struttura narrativa.

Alberto Bevilacqua scomparso il 9 settembre del 2013 resta una pietra miliare nel viaggio di Bruni come anche Fabrizio De Andrè. La poesia, i linguaggi musicali e il narrato sono un percorso di ricerca che permette di individuare il senso del racconto e la musicalità della parola. Cosa è stato Bevilacqua nella letteratura del Novecento? Cosa è stato De Andrè nel linguaggio poetico e musicale dagli cinquanta ad oggi? Cosa è la scrittura di Pierfranco Bruni nel tempo della letteratura della modernità? Un pensare che ci conduce alla nostra contemporaneità proprio attraverso i libri di Bruni tra una asistematicità filosofica e una visione onirica, metaforica dentro il pensiero metafisico.

Marilena Cavallo

Facebook Comments Box

Notizie su Marilena Cavallo

Marilena Cavallo
Nata in Puglia, a Martina Franca provincia di Taranto. Docente di Lettere nei Licei. Studiosa di Pirandello, D’Annunzio e di problematiche relative alla letteratura italiana ed europea del Novecento. Ha condotto uno studio sistematico sul mondo della fantasia in G.B Vico filosofo e poeta. Ha sviluppato relazioni scientifiche in convegni dedicati a Sandro Penna nel Centenario della nascita (per conto del Comitato Nazionale Sandro Penna del MiBAC) e ha scritto saggi per riviste sulla figura e sull’opera di Cesare Pavese oltre ad aver contribuito ad incontri per la promozione della canzone d’autore e a convegni per la valorizzazione dell’arte di Emanuele De Giorgio. Ha partecipato a trasmissioni della Rai (Dieci minuti di…) su argomenti culturali che vanno da “ Pirandello e il Mediterraneo “ a “ Gabriele D’Annunzio e Corrado Alvaro tra i luoghi della Magna Grecia “ sino a portare sullo schermo la figura e l’opera di “ Raffaele Carrieri, i paesaggi e il mare “. Proprio su Raffaele Carrieri ha approfondito il tema poetico del mare e delle sirene. E’ inserita nelle attività delle manifestazioni “ Ottobre Piovono libri “ del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con aspetti riguardanti la poesia meridionale : da Scotellaro ai poeti della Puglia, da Cesare Giulio Viola alla cultura contadina. Proprio in riferimento a ciò si è soffermata con i suoi studi sul tema del mare e dell’amore in Cesare Pavese. E’ componente di giurie e Premi alla cultura. E’ stata componente della Commissione Nazionale del Premio alla Cultura del Mediterraneo.

Leggi anche

NAVE GARIBALDI

MARINA MILITARE: NAVE GARIBALDI OSPITA la 30^ EDIZIONE DEL CAMPIONATO ITALIANO INTERFORZE DI TIRO A VOLO – SPECIALITÀ “TRAP 1”

Dal 13 al 15 giugno 2024 si svolgerà a bordo di Nave Garibaldi, Portaeromobili della …