martedì 17 Settembre, 2019 - 2:33:28
Home > Rubriche > Il Punto > Analisi o interpretazione? Cei il vero oppositore della Lega di Salvini

Analisi o interpretazione? Cei il vero oppositore della Lega di Salvini

Analisi o interpretazione? Le Europee sono la base reale per una visione direttamente politica. In Italia si è creata una sistemazione politica tanto da minare le basi del Governo.

Troppo facile trasferire questi dati da elementi di ordine anche storico con una lettura molto meno dialettica. Cosa voglio dire? Salvini ha riempito di contenuti politici storici la sua campagna elettorale. Di Maio no. Ha troppo insistito sul “particolare”. Zingaretti resta incomprensibile. Non ha una idea. Dico una sola che dia un senso a un progetto. Fratelli D’Italia sono una piaga antica e non riescono ancora a parlare un linguaggio innovativo. Forza Italia non esiste più. Sconfitto anche il partito della Cei e la sua cordata.

Non è solo l’effetto Lega che mi interessa in questo momento. È l’effetto del vuoto politico progettuale. Ma se analizziamo tutto il percorso di queste settimane è proprio Salvini ad aver sottolineato un Progetto senza mai cedere un piccolo spazio proprio nella assunzione di posizioni e responsabilità. Con un fatto in più che non si valuta o si sottovaluta.

In campo c’era un altro potente partito. Quello della Cei. Nel corso di questi giorno è stato il vero partito contro la destra della Lega. Una campagna elettorale pro immigrati e contro Salvini fino al punto di condannarlo per aver esposto il crocifisso. Un errore dei cattolici che è costato molto caro tanto che i risultati sono di altra natura. Porti chiusi. Irregolari. Sicurezza. Identità cattolica. Mediterraneo. Tutti temi osteggiati dalla Cei con i quali si condannava Salvini.

Il colpo pro PD o Cinque Stelle non è riuscito. È stato anzi deleterio. Non si tratta di un altro discorso. Di un discorso dentro la problematica complessiva. Cosa accadrà? Non cambierà nulla. Ognuno deve stare al proprio posto. I poteri cosiddetti forti sono sempre in agguato. Attenzione. Si continui con un governo prettamente politico pur nelle dialettiche e negli scontri. Non ci sono oltremodo alternative. Tria, attenzione, è il ministro di Mattarella. Di Maio è eletto. Salvini è straeletto. Il PD è un copione. Ieri con Renzi. Oggi con l’attuale. Sono sempre gli stessi. Ancora. È stato sconfitto tra l’altro un altro partito. Quello perenne dell’antifascismo.

Mi auguro che si possa usare l’intelligenza e non ancora il vuoto. Chi sostiene che questo governo non abbia fatto nulla è solo un bugiardo. La quota 100 è nulla? Monti e la Fornero avevano fallito in tutto. Ora occorre saper gestire questo risultato senza strapparsi le vesti da parte di Di Maio. Senza andare molto oltre da parte del mio amico Matteo.

Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Taranto, falso allarme bomba presso la raffineria Eni. Denunciato in stato di libertà un operaio di 41 anni

Oggi, 11 settembre 2019, alle ore 17.00 circa, al termine di immediate indagini, personale del …