domenica 19 Gennaio, 2020 - 18:00:00
Home > Cultura e Eventi > Eventi > Anche quest’anno si rinnova a Maruggio (TA) una sentitissima e bella tradizione, che è una gioia per gli occhi

Anche quest’anno si rinnova a Maruggio (TA) una sentitissima e bella tradizione, che è una gioia per gli occhi

Domenica 23 giugno, infatti, la festa del Corpus Domini sarà solennizzata, come ormai da 4 anni, con la sublime infiorata: variopinti tappeti di fiori e sale, sciorinati per la navata centrale della Chiesa Matrice di Maruggio dedicata alla SS. Natività di Maria Vergine.

Nessuna ambizione di gareggiare con Infiorate più celebri e “monumentali”, tanto meno con quella, famosa in tutto il mondo, che si tiene a Genzano, eppure quello che si compie a Maruggio è un piccolo miracolo di devozione popolare e di efficientissima organizzazione. 

Stupisce e commuove vedere come, anno dopo anno, numerosi volontari si prodighino per “dare una mano” per la buona riuscita di questa festa. 

E allora: tutti in ginocchio – letteralmente – per ore e ore, sul duro marmo della Chiesa Madre, a comporre con arte sapiente e con “santa pazienza” le immagini rappresentate, che di anno in anno si rinnovano: 

il calice, il pane spezzato, l’immagine del Cristo che istituisce l’Eucarestia, la tradizionale croce di Malta e – grossa novità per quest’anno – le immagini di Don Ambrogio Grittani e Don Tonino Bello, due straordinari sacerdoti della nostra terra di Puglia, che hanno manifestato e testimoniato con le loro opere il desiderio di prendere per mano i poveri e gli esclusi della società.

Tutto abilmente prende forma, a partire da umili e coloratissimi materiali: dalla stesura dei cartoni su sui vengono apposti i disegni, ai tanti petali di fiori e sale colorato… ma soprattutto fantasia e inventiva, creatività e attaccamento alla tradizione.

I preparativi, in realtà, sono cominciati per i volontari già da lunedì scorso; sono preparativi faticosi, ma fatti tutti insieme in allegria. 

Il tutto culminerà con la processione di domenica 23, in cui il nostro parroco e ideatore Don Antonello Prisciano, mostrando il Santissimo, sfilerà devotamente sui tappeti floreali, calpestando l’effimero splendore dei profumati disegni.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Il romanzo “sottosuolo” di Pierfranco Bruni: Sul davanzale delle parole a Firenze

A parte la nobilissima carriera culturale che lo contraddistingue, Pierfranco Bruni è una bella persona …