sabato 05 Dicembre, 2020 - 16:18:35

Andiamo a farci… friggere!

pettole

Oggi qui a Taranto abbiamo scoperchiato il Natale! Chi non è tarantino di nascita o di adozione non può capire cosa rappresenti questa giornata per la Città. Quello di Santa Cecilia è forse il momento più intenso e atteso di tutto il periodo natalizio e, anche se non è una festa “maiuscola” e fa solo da apripista alle altre, condensa e racchiude in sè quel particolare e tipico spirito tarantino in cui si concretizza l’atmosfera natalizia che si respirerà per quasi un mese e mezzo.

L’attesa e la ritualità rassicurante delle nostre tradizioni scioglie e rende più “digeribile” l’altra faccia di quella realtà che non riusciamo a mandare giù proprio come quel miracolo che avviene sotto ai nostri occhi della farina e del lievito che, insieme all’acqua, ci regalano rassicuranti promesse. Da questa mattina ( e non ditemi che non ve ne siete accorti!) è cambiata anche la modalità delle nostre esternazioni di esseri ormai irrimediabilmente social e non c’è bacheca che non sia ad altissimo tasso glicemico e che non odori di fritto. Di conseguenza, non c’è casa (almeno qui a Taranto) che non ne porti il segno nonostante porte e finestre spalancate dalle quattro di stamattina.

Devo dire che quel soffice candore di pasta lasciata in paziente lievitazione ha battuto e ha vinto (almeno per oggi) le incertezze dei Si e dei NO, le farneticanti promesse e ridicoli proclami dei nostri politici, i confronti tra first lady e relativi consorti votati e no, i reality e le primedonne delle vite vere ecc… ecc… e tra uno schizzo e l’altro ci ha dato certezze e conforto per farci sentire lontani da tutto quello che spesso rimbomba nelle nostre orecchie come inutili rumori. Ben venga allora questa Santa Cecilia terapeutica che ci ha reso tutti vicini e tutti ugualmente unti e solidali!

Per un attimo potremmo anche arrivare a immaginare che anche una pettola e una pastorale potrebbero muovere coscienze e cambiare il nostro “piccolo” mondo!

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.