giovedì 22 Ottobre, 2020 - 9:04:19

Arresti in provincia di Taranto e Brindisi i dettagli dell’operazione: 52 reati contestati, droga, furti, armi, estorsioni

Nel corso di questa mattina, Personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Francavilla Fontana, coadiuvato da un cospicuo numero di altri Carabinieri in servizio nell’ambito del Comando provinciale di Brindisi, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi nei confronti di otto persone, sottoposte alle indagini, insieme con altre dieci, perché ritenute responsabili di un considerevole numero di delitti contro la persona ed il patrimonio, nonché in materia di armi e di traffico di sostanze stupefacenti.

Destinatari delle misure (otto delle quali carcerarie ed una domiciliare) sono:

-M.D., ventitreenne residente in Villa Castelli, gravemente indiziato della commissione di 9 delitti (quattro dei quali consistenti in furti pluriaggravati di veicoli, tre nella ricettazione, nella detenzione e nel porto in luogo pubblico di armi clandestine, uno nell’estorsione aggravata tentata in concorso in danno di un imprenditore e uno in un furto in abitazione pluriaggravato in concorso);

-C.D., ventiquattrenne residente in Villa Castelli, gravemente indiziato della commissione di 33 delitti, fra i quali anche più delitti di estorsione pluriaggravata in concorso consumati in danno di vittime di furti di autoveicoli in Villa Castelli e traffico di sostanze stupefacenti commesso in Ceglie Messapica e Grottaglie;

-B.M., quarantasettenne residente in Villa Castelli, gravemente indiziato della commissione di 5 delitti: ricettazione, detenzione e porto in luogo pubblico di armi clandestine, estorsione aggravata tentata in concorso e traffico di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana) commesso in Francavilla Fontana;

-C.C., quarantaseienne residente in Villa Castelli, gravemente indiziato della commissione di due distinti delitti di traffico di sostanza stupefacente tipo marijuana continuato commessi in concorso con il suddetto C.D. e, con riguardo ad alcuni episodi di spaccio, con una donna prestatasi a svolgere le funzioni di “palo”, onde avvisare i correi della presenza di appartenenti alle Forze dell’Ordine;

-D.E., ventiseienne residente in Grottaglie, gravemente indiziato della commissione di 4 delitti di furto pluriaggravato in concorso di autovetture consumati in Monteiasi, in Grottaglie, in Ostuni e in Ceglie Messapica;

-L.L.. ventisettenne residente in Villa Castelli, gravemente indiziato della commissione di 15 delitti, fra i quali quello di estorsione aggravata tentata commessa in danno di una vittima del delitto di abusiva attività finanziaria in concorso commesso in danno di più imprenditori esercenti le proprie attività commerciali in Torricella, Villa Castelli e Ceglie Messapica, e quello di usura aggravata commesso in danno di altro imprenditore, esercente la propria attività in Ceglie Messapica, in cui investiva i profitti illeciti provento di cospicuo numero di delitti contro il patrimonio ed in materia di sostanze stupefacenti, oltre che essendo illecito possessore di armi;

-V.A., venticinquenne residente in Grottaglie, gravemente indiziato della commissione di 13 delitti, tra cui furti di autoveicoli, possesso di armi comuni da sparo, concorso nelle estorsioni poste in essere sotto la forma del così detto “cavallo di ritorno”;

-M.M., quarantaseienne residente in Martina Franca che, malgrado la sottoposizione alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale della pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, disposta nei suoi confronti con provvedimento definitivo dal Tribunale di Taranto, poneva in essere reati quali il possesso di armi e concorreva nella commissione di delitti contro il patrimonio.

Una persona è tuttora ricercata.

I cinquantadue reati complessivamente in contestazione risalgono al periodo novembre 2016-giugno 2017.

La complessa attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi, ha avuto inizio con la denuncia del furto di un furgone commesso in ora notturna in danno di un’azienda agricola di Polignano a Mare che deteneva quel veicolo in Villa Castelli ed ha impegnato gli investigatori dell’Arma di Francavilla Fontana per quasi due anni, avendo essi indirizzato l’attenzione verso più malviventi gravitanti fra le province di Brindisi e Taranto per poi ricomporre un articolato reticolo probatorio fondato sui risultati intercettazioni telefoniche e “ambientali”, pedinamenti elettronici e personali, incroci di dati acquisiti da più fonti informative.

Nel corso delle indagini è stato possibile intervenire tempestivamente per impedire la consumazione di delitti in corso di realizzazione e si è altresì proceduto, in alcune circostanze con arresti in flagranza.

Gli indagati catturati saranno sottoposti ai previsti interrogatori di garanzia nel corso dei prossimi giorni

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …