sabato 31 Ottobre, 2020 - 5:42:14

È associato alle tradizioni natalizie. Ma il vischio, ha un utilizzo molto più pratico: il trattamento dei tumori.

È associato alle tradizioni natalizie e persino agli antichi Druidi. Ma il Viscum album, meglio noto come vischio, ha un utilizzo molto più pratico: il trattamento dei tumori.

Le proprietà terapeutiche della pianta erano già conosciute dai medici ai tempi di Ippocrate, nell’antica Grecia. È però soltanto nel 1917 che la cofondatrice della medicina antroposofica Ita WegmanLink esterno lo ha utilizzato per la prima volta a Zurigo in quanto trattamento contro il cancro, dopo che il suo collega Rudolf SteinerLink esterno ne aveva evidenziate le proprietà antitumorali.

Da allora, il vischio è diventato un rimedio comprovato nella terapia oncologica complementare, in particolare in Europa. Qui alcune delle proprietà che lo rendono speciale.

Vive grazie al suo albero

Il vischio è una pianta cespugliosa. Le sue radici non affondano però nel terreno, ma direttamente nell’albero da cui dipende per i nutrimenti. Le sue foglie, sempreverdi, non hanno infatti una grande capacità di fotosintesi. Le sue caratteristiche sono determinate dall’albero ospite, che solitamente è un pino, un pioppo, una quercia, un tiglio o un melo.

Cresce lentamente, ma attenzione alle tossine!

La crescita del vischio è molto lenta. Invece di formare delle radici e sviluppare rapidamente delle foglie, produce diverse tossine, utili in farmacologia: le lectine si accumulano soprattutto durante l’inverno e nei rami più vecchi; le viscotossine (proteine tossiche per vari tipi di cellule) sono invece prodotte dalle giovani foglie in estate.

È raccolto non una, ma due volte all’anno

La raccolta del vischio avviene in giugno e in dicembre. Selezionate con cura, le foglie sono frantumate e mischiate con dell’acqua. La fermentazione lattica consente di estrarne gli ingredienti, i quali sono poi trasformati in principi attivi farmaceutici grazie a un sofisticato apparecchio.

Fonte: Hartmut Ramm, Botanical Research Manager, Iscador AG.

https://www.swissinfo.ch

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La Polizia di Taranto salva un 15enne vittima di bullismo, voleva suicidarsi

I poliziotti della Sala Operativa di Taranto, hanno ricevuto l’accorata telefonata di una giovanissima ragazza, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.