venerdì 03 Febbraio, 2023 - 1:21:35

Attacco a Maruggio MMXXI. Cronaca di un successo. Le Foto!

Attacco a Maruggio MMXXI. Cronaca di un successo. Le Foto!

Nella serata di mercoledì scorso, 18 agosto, Piazza del Popolo, di Maruggio ha accolto la quinta edizione della spettacolare rievocazione storica “Attacco a Maruggio”.

L’iniziativa prende spunto da un episodio avvenuto nell’estate del 1637, in cui i Turchi assalirono la Commenda Magistrale di Maruggio, allora retta dai Cavalieri di Malta, agli ordini di Fra’ Giovan Battista Naro, che con la collaborazione del popolo di Maruggio, riuscì a piegare i Turchi alla ritirata.

L’episodio viene narrato in uno studio di storia locale, firmato da Tonino Filomena e Cosimo Marseglia, trasformandosi in manifestazione rievocativa grazie all’intuizione e all’impegno artistico di Michele Chiego, direttore artistico del concept, esempio lampante di come il talento creativo, musicale e organizzativo, possa essere messo a disposizione per la valorizzazione del territorio e della cultura locale.

In stretta intesa con la Pro Loco di Maruggio, presieduta da Massimo Quaranta, Chiego ha saputo coordinare le diverse realtà associative presenti, per realizzare un evento di grande impatto visivo ed emozionale, in un periodo che ancora presenta diverse criticità, per quanto riguarda normative di sicurezza sociale, tutte rigorosamente rispettate.

L’aver voluto donare alla gente di casa e ai numerosi turisti presenti, questa quinta edizione, ha significato dare un segno forte di ripartenza per l’intera comunità, che crede nel valore artistico e culturale di iniziative come questa, che costituiscono un coinvolgente storytelling delle vicende storiche locali, patrimonio e identità della Terra ionica.

Per la realizzazione di questo piccolo spaccato della vita maruggese, l’equipe organizzatrice si è avvalsa della pregiata performance militaresca del gruppo di rievocatori de “I Cavalieri de li Terre Tarentine”, che hanno offerto uno spettacolare duello per rappresentare lo scontro tra i due condottieri delle opposte compagini. Inoltre, le acrobazie spettacolari degli Sbandieratori e Musici del rione Lama, di Oria, e la performance infuocata dell’artista Tiziano Casole, hanno arricchito la serata già densa di emozioni.

La concezione della rievocazione storica, quale grande risorsa culturale, storico-artistica e turistica del Paese, si rafforza quanto più si indeboliscono i fattori ‘strutturali’ dell’identità locale. Quelle forme di socialità e coesione locale che non sono più garantite dagli aspetti materiali dell’esistenza vengono ricreate, immaginate, rappresentate sul piano simbolico; attività legate al patrimonio culturale vero e proprio, sia materiale che intangibile, ma anche forme di valorizzazione di tradizioni locali più o meno filologicamente documentate, che fluiscono in un processo di patrimonializzazione, in un senso ampio del termine, tra esperienze di associazionismo e aggregazione, spesso legate a canali di comunicazione come il web e i social media, che contribuiscono alla loro divulgazione.

La grande bellezza della rievocazione non si ferma al momento della living history, ma procede nel ricordo, nella esaltazione delle atmosfere, nel rapimento dello sguardo con l’opera artistica di Domenico Semeraro, che con la sua fotografia, raccoglie ogni intensa emozione in una dimensione sospesa tra realtà e fantasia, sublimazione dell’immagine che diventa leggenda.

Il continuum rievocativo, dunque, confina, o meglio procede parallelamente e talvolta si intreccia, con le pratiche di valorizzazione del patrimonio culturale intangibile.

Il concetto di ICH (Intangible Cultural Heritage) ha sostituito negli ultimi decenni quello di ‘tradizione popolare’, in conseguenza delle politiche culturali dell’UNESCO che hanno creato una cornice globale e universalistica di riconoscimento dei particolarismi locali.

Una preziosa chiave di interpretazione del territorio, che ci si augura possa essere sempre più incrementata e sviluppata con progettualità concrete, che puntino alla realizzazione di prodotti culturali e turistici di sempre maggiore valore e qualità.

Alessandra Basile

Fotografia di Domenico Semeraro per La Voce di Maruggio

Facebook Comments Box

Notizie su Alessandra Basile

Laurea magistrale in Progettazione e Management di sistemi turistici e culturali e triennale in Scienze dei Beni Culturali per il Turismo, presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari, è presidente della Associazione culturale Programma Cultura, di Taranto, che promuove e valorizza il territorio ionico e regionale, con progetti ed organizzazione di eventi per la divulgazione delle eccellenze del nostro patrimonio culturale. Appassionata di arte, teatro e fotografia, è da anni impegnata nella divulgazione scientifica per la tutela del cielo stellato, dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Ha al suo attivo importanti esperienze redazionali con testate nazionali e regionali, con cui collabora per raccontare le bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche del territorio.

Leggi anche

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

Il tragico e la bellezza o del dialogo fra Bruni e la letteratura della plurinfelice …