martedì 13 novembre, 2018 - 1:17:25
Home > La Voce > Locali > Attentato a Kabul, c'è un soldato salentino tra le 6 vittime

Attentato a Kabul, c'è un soldato salentino tra le 6 vittime

Lecce  – Fonti della Difesa hanno diffuso i nomi di cinque dei sei militari rimasti uccisi nell’attentato di questa mattina a Kabul. Si tratta del tenente Antonio Fortunato, di Lago Negro in provincia di Potenza; il primo caporal maggiore Matteo Mureddu, di Oristano; il primo caporal maggiore Davide Ricchiuto nativo di Garus in Svizzera di origini salentine, Tiggiano (Le); il sergente maggiore Roberto Valente di Napoli; il primo caporal maggiore Giandomenico Pistonami, di Orvieto.

“Esprimo profondo cordoglio alle famiglie dei sei militari italiani uccisi da un’autobomba a Kabul e vicinanza ai soldati rimasti feriti”. È quanto dichiara il Vice Segretario nazionale dei Popolari Udeur e consigliere della Regione Puglia, Antonio Buccoliero, dopo l’attentato in Afghanistan costato la vita a sei soldati italiani e il ferimento di altri quattro militari, tutti appartenenti al 186/mo Reggimento della Folgore.

“Si tratta dell’ennesima, grave tragedia – prosegue Buccoliero – che colpisce il nostro Paese e che porta a 21 il numero dei militari che, dal 2004, hanno perso la vita in Afghanistan. In casi come questi le parole lasciano spazio allo sgomento e al senso di impotenza, che pervade ognuno di noi, quando si realizza come il cammino verso la pace e la democrazia sia ancora estremamente lungo e faticoso, lastricato di sangue, di sofferenza e di famiglie segnate per sempre.

Quello di oggi è il secondo più grave attentato subito dai nostri militari dopo la strage di Nassiriya; il nostro territorio conosce bene il sacrificio di chi parte per onorare la divisa che indossa e di chi, invece, resta nella sofferenza di un’assenza definitiva.

In questi momenti, è importante che lo spirito unitario, che deve guidare il percorso del nostro Paese prevalga su ogni possibile polemica, per far sì che il sacrificio di tanti nostri valorosi soldati non vada dimenticato o reso vano.

“Intendo, infine– conclude Buccoliero –  rivolgere un pensiero di vicinanza ai colleghi dei militari uccisi, che pur sopraffatti dal dolore, continuano a portare avanti la loro meritoria opera di sostegno alle forze di sicurezza afgane e di supporto all’azione umanitaria internazionale”.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

A 550 anni dalla nascita di Nicolò Machiavelli si rilegge Il Principe in un prestigioso studio curato Micol Bruni

“IL PRINCIPE. Il Machiavelli di un secolo di mezzo“: un grande libro per un grandissimo …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.