sabato 25 Maggio, 2024 - 7:43:38

Attenzione alla “Salpa Fusiformis”. È innocua, contribuisce a pulire l’ambiente

Nelle calde acque dello Ionio questa estate si stanno diffondendo questi organismi che sembrano di plastica trasparente.

Non sono meduse né pesci. È un tunicato chiamato “Salpa Fusiformis” (Salpa Maggiore). Non sono urticanti o pericolosi, formano colonie e sono ermafroditi.
Si nutrono di fitoplancton e le loro colonie sono in grado di catturare 4000 Tn di CO2 ogni giorno e accumularli in mare: stanno contribuendo pertanto a pulire l’ambiente.

Nell’estate 2019 avvistate in quantità abbondante nel mare Ionio e più precisamente sulle spiagge del litorale di Taranto.

Potrebbero essere presenti anche nelle nostre acque, non fategli del male. Sono innocui… . La presenza di questi delicati organismi costituisce una prova della buona qualità delle acque.

Fonte scientifica: AmbienteBio

 

DISCLAIMER: Le foto mancanti della didascalia dell’autore presenti su questo sito  sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@lavocedimaruggio.it e si provvederà alla rimozione.

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Ilva

Emissioni stabilimento “Acciaierie d’Italia spa” di Taranto del 3 gennaio 2024: l’intervento di Arpa Puglia

In relazione agli eventi emissivi di mercoledì 3 gennaio 2024 visibili all’esterno dell’impianto siderurgico di Taranto, segnalati anche dalla cittadinanza e provenienti dall’area a caldo dello stabilimento “Acciaierie d’Italia Spa”, il personale di Arpa Puglia si è recato presso lo stabilimento ed ha acquisito informazioni su quanto occorso presso l’impianto Acciaieria 2, anche ai fini di successive e conseguenti approfondimenti.