martedì 20 Ottobre, 2020 - 14:26:06

Beato chi ce l’ha ancora un papà

E per te oggi erano sempre auguri al quadrato e tu, come un bambino un po’ timido ma che non riesce a nascondere la felicità di sentirsi il “festeggiato”, rispondevi un po’ imbarazzato con un “grazie” marcato per darti un tono e non rivelare che eri felice di averci tutti con te.

Purtroppo si sono aggiunti altri giorni alla somma del tempo che mi manchi e invece dell’abitudine alla tua assenza diventa sempre più presente la tua mancanza e quelle parole rimaste nel cuore che non sono mai riuscita a dirti adesso sono sicura che le conosci tutte.

E allora penso : beato chi ce l’ha ancora un Papà e gli è stato concesso tempo per ascoltarlo, per assecondarlo e soprattutto per abbracciarlo. Beato chi può correre da lui e raccontargli le sue giornate, chi può fargli una telefonata o magari un regalo, una carezza. Beato chi può ancora sentirlo raccontare, chi può contraddirlo e poi da lui lasciarsi convincere magari solo per rispetto, per farlo felice o forse perché ha proprio ragione lui. Beato chi può ancora sforzarsi di capirlo e chi può ancora godere del suo appoggio del suo sostegno e della sua forza, perché la forza di un padre è l’unica forza capace di farti sentire davvero al sicuro e renderti possibile anche l’impossibile e, anche se a volte hai temuto il suo sguardo severo, anche se a volte avresti voluto sparire pur di non sentire addosso la sua disapprovazione, sai che nel suo abbraccio puoi trovare riparo sicuro . Beato chi ha il privilegio di farlo sentire insostituibile rendendolo felice per quel piccolo o grande aiuto che arriva sempre anche in situazioni impossibili. E beato chi può ancora ascoltare i suoi progetti da grande, chi può ancora osservare i suoi occhi che brillano e che si emozionano come se fosse per una volta lui il bambino.

Ed è quella l’ultima immagine che conservo di te …quella tenera e triste consapevolezza di dover andare tuo malgrado, quando ancora c’era tanto da fare… non per te Papà …ma per noi e insieme a noi!

Anna Marsella

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

SCIASCIA e il 900. La cultura italiana celebra Leonardo Sciascia con “A viaggiar terra ritrovando l’isola”

Un omaggio a Sciascia nel centenario della nascita – 2021 Il volume, a più voci, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.